Addio a Marialuisa D'Ippolito, la dottoressa che fino all'ultimo respiro ha combattuto per la riapertura del Gino Lisa

Dalla costituzione del comitato a difesa dello scalo foggiano, nonostante la sua malattia, si è spesa tantissimo perché l'aeroporto foggiano riaprisse, fino all'ultimo dei suoi giorni

Maria Luisa D'Ippolito, foto di Samuele Romano

Marialuisa D'Ippolito non c'è più. Dopo anni e anni di battaglie per la riapertura dell'aeroporto di Foggia, la dottoressa è volata in cielo tra lo sconforto di amici, familiari, conoscenti e componenti del comitato Vola Gino Lisa di cui è stata presidente fino al 2016, quando si dimise per problemi personali e lasciò la guida all'avvocato Maurizio Antonio Gargiulo.

Chi era Marialuisa D'Ippolito

Dal primo giorno della costituzione del comitato a difesa dello scalo foggiano, nonostante la sua malattia, si è spesa tantissimo perché l'aeroporto foggiano riaprisse, fino all'ultimo dei suoi giorni. L'ultimo post sulla questione aeroporti è di qualche giorno fa, l'8 febbraio. Vinse un premio 6Donna “alla carriera”. Aveva 73 anni. Fortemente impegnata sui temi della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale, era stata in prima linea nella battaglia contro le trivelle ed era molto impegnata. Fondatrice e a lungo responsabile della Delegazione di Foggia, era stata vicepresidente regionale e, di recente, era stata nominata delegata all’ambiente per la Puglia.

Morte D'Ippolito, il comitato Vola Gino Lisa

Purtroppo, come tutti voi, apprendiamo della scomparsa della Nostra Marialuisa d'Ippolito. Siamo senza parole anche perché solo questa mattina ci eravamo scritti nel nostro gruppo di chat del Comitato. Perdiamo oggi una referente principale del Comitato, una combattente nata ma soprattutto una carissima amica. Ciao Marialuisa... ciao ... perché ci è impossibile ora dirti addio".

Il commento di Saverio Russo, presidente FAI

In uno degli ultimi incontri Marialuisa aveva sollecitato un’iniziativa per il recupero del centro storico di Foggia, riprendendo l’iniziativa “Via Arpi da vivere” che aveva animato una decina di anni fa. Ricorderemo sempre il suo generoso impegno nelle nostre iniziative  per l’ambiente e la cultura in Puglia

Gloria Fazia, attuale capo delegazione FAI Foggia

La memoria di Maria Luisa, fondatrice e animatrice del FAI di Foggia, si intreccia strettamente con quello dell'amica carissima. Forte e determinata, ma anche sorridente e ironica, sempre in prima fila per difendere l'ambiente e il futuro della città, è stata anima del FAI con la mente e con il cuore, con la sua generosità nello spendersi, fino all'ultima parte della sua vita. Una donna da ammirare per la sua intelligenza, la sua perseveranza, la sua trasparenza, ma anche per le battute e la sottile presa in giro,  con quel suo accento romanesco, mai dimenticato. Ne sentiremo tutti la mancanza. Il FAI perde una rappresentante esperta e volitiva. Noi tutti un'amica cara. Una piccola grande donna.

"Onoreremo il suo ricordo seguendone l’esempio e cercando di realizzare le tante preziose idee per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale della Daunia che Marialuisa ha elaborato in tanti anni di attivismo sempre per il bene del territorio, dei Foggiani e dei Pugliesi" ha aggiunto l’addetto stampa della Delegazione, Loris Castriota Skanderbegh.

Il cordoglio di Franco Landella

La comunità foggiana è oggi in lutto per la scomparsa di Marialuisa d'Ippolito, magnifica protagonista dell'attivismo culturale e civico della nostra città! Abbiamo avuto modo di collaborare più volte per promuovere cause che stavano a cuore ad entrambi e che lei sosteneva con una ammirevole ed instancabile energia. Ricordo solo a titolo di esempio la collaborazione dell'amministrazione agli importanti eventi promossi dalla delegazione FAI, la condivisione della campagna "No Triv" e lo strenuo impegno per la riattivazione del nostro aeroporto civile, "Gino Lisa", che visse un bel momento comune in quella manifestazione in via Capruzzi, a Bari, il 22 ottobre 2014, per chiedere a gran voce alla Regione di impegnarsi per l'allungamento della pista e la ripresa dei voli. La nostra città, e non solo, perde oggi un esempio di coscienza civica e di amore per il territorio, protagonista insostituibile dell'impegno per il progresso di Foggia e dei Foggiani"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cormorani killer devastano impianto di itticoltura sull'isola di Varano: danni per 500mila euro

  • Cronaca

    Una bomba ecologica chiamata Giardinetto: rifiuti pericolosi interrati e accantonati, entro il 2020 sarà tutto finito

  • Politica

    Altro che Codice etico, la Lega umilia Landella: "Eleggeremo un sindaco, non tutta la sua famiglia"

  • Cronaca

    7mila mq trasformati in discariche abusive nel Foggiano: 800 tonnellate di rifiuti speciali e 5 carcasse d'auto abbandonate

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia: esce fuori strada e si schianta contro il pilone del ponte di via Manfredonia

  • Clamoroso ma vero: diventa papà a 93 anni, la neo mamma ne ha 42 (il parto al Tatarella di Cerignola)

  • Escogita un trucco per superare il quiz della patente, ma viene scoperto e finisce al pronto soccorso

  • La lente della DIA sulla Società, che esporta strategie mafiose fuori città: batterie in guerra ma situazione di stallo

  • Angelica, la studentessa bullizzata "perché femminista e di sinistra". Odio, "puttana" e svastiche. In 52 dicono "Basta!"

  • Tifosi foggiani aggrediti a Padova: ferito 22enne, ultrà gli rubano anche la sciarpa e allo stadio parte il coro: "Teron Teron"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento