Ancora una vittima della 'pista': dopo tre giorni di agonia, è morta la donna ustionata nell'incendio della baraccopoli

La donna è morta nel pomeriggio di ieri: era stata elitrasportata, in condizioni disperate, al centro 'Grandi ustionati' di Bari, dove i medici le avevano riscontrato ustioni sul 90% del corpo (la metà di terzo grado).

Il rogo sulla 'pista'

Un'altra vittima della 'pista'Ma questa volta non c'è ancora un 'nome' da aggiungere alla lista dei migranti che hanno perso la vita nei vari incendi che, nel tempo, si sono susseguiti tra le baracche che sorgono sulla vecchia pista militare di Borgo Mezzanone.

Dopo tre giorni di agonia, infatti, è deceduta la giovane donna africana rimasta gravemente ustionata nell'incendio divampato nella baraccopoli nella notte tra il 3 ed il 4 febbraio scorsi. La donna è morta nel pomeriggio di ieri: era stata elitrasportata, in condizioni disperate, al centro 'Grandi ustionati' dell'ospedale di Bari, dove i medici le avevano riscontrato ustioni sul 90% del corpo (la metà delle quali di terzo grado).

VIDEO | Incendio sulla 'pista': le immagini della devastazione

Si tratterebbe, secondo le indicazioni degli altri occupanti del ghetto, di una 32enne africana, al momento non ancora compiutamente identificata dai militari dell'Arma: nel rogo, infatti, sono andati distrutti eventuali documenti o effetti personali utili a dare un nome e una identità certa alla vittima; le ustioni, inoltre,hanno coinvolto anche le mani, rendendo impossibile anche il riconoscimento attraverso le impronte digitali.

A causare il rogo, secondo gli accertamenti tecnici dei vigili del fuoco, sarebbe stata l'esplosione di una bombola a gas utilizzata per alimentare stufe e fornelli negli alloggi di fortuna. La donna, stando ad una prima ricostruzione dei carabinieri, sarebbe stata investita dall'esplosione mentre dormiva. 

Non si tratta, purtroppo, di un episodio isolato. Gli incendi nell'ex pista - area attualmente oggetto di una serie di abbattimenti controllati e finalizzati allo smantellamento totale - si susseguono con preoccupante frequenza. L'ultimo episodio risale all'alba dello scorso 20 novembre; in altri due casi, le fiamme, divampate sempre per cause accidentali, hanno provocato la morte di altri due migranti che vi risiedono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Tragedia in strada: mezzo compattatore in retromarcia investe e uccide un passante

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

  • Incidente stradale a Foggia: violento scontro tra auto e trattore nei pressi della Statale 16

Torna su
FoggiaToday è in caricamento