Sequestrati i beni di Notarangelo, esponente di spicco della malavita di Mattinata vicino al clan Romito

I beni mobili e immobili intestati a se stesso e ai familiari conviventi, non hanno trovato giustificazione nei modesti redditi prodotti, a malapena sufficienti per le primarie esigenze di sostentamento dell'intero nucleo familiare.

Il sequestro a Mattinata

All'esito di complesse indagini patrimoniali compiute dagli agenti della Divisione Polizia Anticrimine-Ufficio Misure di Prevenzione della Questura di Foggia - che hanno scandagliato la posizione di Francesco Notarangelo, pregiudicato classe 1965 con precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio, in materia di stupefacenti ed in materia associativa, ritenuto continguo al clan Romito ed elemento di spicco della criminalità di Mattinata - la Polizia di Stato ha dato esecuzione al decreto di sequestro anticipato d'urgenza emesso su richiesta del questore di Foggia dal Tribunale di Bari, III sezione Penale Misure di Prevenzione.

Sequestro: le immagini video

Le indagini patrimoniali, estese ai familiari conviventi nell'ultimo quinquennio, hanno evidenziato la disponibilità diretta e indiretta di beni di valore sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati, tanto da far ragionevolmente ritenere che siano frutto di attività illecite e ne costituiscano il reimpiego.

Nello specifico, i beni mobili e immobili intestati a se stesso e ai familiari conviventi, alla luce delle risultanze complessive dell'analisi delle movimentazioni economico-finanziarie in entrata e del raffronto con le uscite, non hanno trovato giustificazione nei modesti redditi prodotti, a malapena sufficienti per le primarie esigenze di sostentamento dell'intero nucleo familiare.

Il Tribunale di Bari, quindi, ha accolto in pieno la proposta formulata dal questore di Foggia e ha ordinato il sequestro di quote sociali, terreni, automezzi e rapporti bancari per un valore di 100mila euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Blitz antidroga, dieci arresti sul Gargano: cadono boss ed esponenti di primo piano

  • Politica

    Riccardi si è dimesso, è definitivo: "Buona vita alla mia amata Manfredonia"

  • Cronaca

    Guerra tra clan sulla "protezione" da pizzo, dietro l'omicidio Silvestri la rapina al gioielliere: "Festeggiamo alla faccia sua"

  • Cronaca

    Con una pala meccanica rubano generatore lungo i binari: furto sventato dalla PolFer

I più letti della settimana

  • Omicidio a Trinitapoli, ucciso a colpi di pistola Cosimo Damiano Carbone

  • Omicidio a Cagnano Varano: ecco chi è l'uomo accusato di aver ucciso il maresciallo dei carabinieri

  • Incidente stradale: cinque auto coinvolte e 10 feriti, elisoccorso sul posto e tratto della provinciale Lucera-Biccari chiuso

  • Omicidio di mafia sul Gargano, svolta sull'uccisione di Silvestri: arrestate due persone su ordine della DDA

  • Così Papantuono ha ucciso il maresciallo Di Gennaro: "non c'è un movente", ha chiamato i carabinieri e ha sparato

  • Il carabiniere ferito provato e confuso dalla morte di Di Gennaro. Al CorSera: "Ho fatto quello che dovevo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento