Blitz della Guardia Costiera a Manfredonia: scoperte e sequestrate sette reti da posta (illegali)

Gli attrezzi da pesca erano posizionati a pochissima distanza dalla costa ed alle ostruzioni degli approdi di Mattinata e del porto turistico “Marina del Gargano” di Manfredonia, per una distanza lineare di circa 1300 metri

Immagine di repertorio

Guardia Costiera in azione sul Gargano, dove è stata condotta un’articolata operazione di Polizia Marittima finalizzata alla repressione dell’attività di pesca svolta in contrasto con la normativa di settore vigente.

Lungo il litorale costiero che collega il Comune di Manfredonia con il Comune di Mattinata, la motovedetta costiera CP 717 e due gommoni GC 085 e GC 137, coadiuvati da una pattuglia dinamica terrestre, hanno individuato sette attrezzi da pesca non regolamentari, nello specifico reti da posta, installati in violazione delle specifiche disposizioni del legislatore in materia di pesca e di sicurezza della navigazione.

I suddetti attrezzi da pesca, posizionati a pochissima distanza dalla costa ed alle ostruzioni degli approdi di Mattinata e del porto turistico “Marina del Gargano” di Manfredonia, per una distanza lineare di circa 1300 metri, venivano immediatamente rimossi e posti sotto sequestro preventivo. L’attività di repressione condotta dagli uomini della Guardia Costiera proseguirà incessante al fine di identificare i responsabili delle condotte illecite di cui sopra ed in generale contro tutti i comportamenti contrari alle norme in materia di pesca, sicurezza della navigazione e tutela dell’ambiente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento