Golfo inquinato? "Il depuratore di Manfredonia funziona bene". AqP rassicura: "Acque chiare e inodore"

L'inquinamento del Golfo sipontino non è imputabile alla Società, che precisa: "Entro giugno si concluderà la fase di collaudo delle opere infrastrutturali di potenziamento dell’impianto, il cui costo è di oltre 2,2 milioni di euro" 

Il depuratore Aqp a Manfredonia

"Il presunto inquinamento del Golfo di Manfredonia non può essere imputato al depuratore o ad altri impianti gestiti da questa Società". Acquedotto Pugliese fa subito chiarezza in merito alle notizie divulgate in questi giorni, relative al funzionamento del depuratore di Manfredonia. "Sull’area, giova ricordare, insistono una molteplicità di attività di origine agricola, zootecnica, industriale, oltre che antropica, che impattano sul reticolo idrografico", precisa Aqp.

"Entro giugno - continuano - si concluderà la fase di collaudo delle opere infrastrutturali di potenziamento dell’impianto, il cui costo complessivo è di oltre 2,2 milioni di euro. Per quanto concerne la copertura delle zone odorigene, Acquedotto Pugliese è stata autorizzata alle emissioni in atmosfera dall’Amministrazione Provinciale. Nell’ambito del suddetto procedimento è stata pianificata, oltre alla copertura e al trattamento delle emissioni odorigene della linea fanghi (ispessitore e disidratazione meccanica), già eseguiti, anche la copertura delle stazioni a emissioni significative della linea acque (grigliature, dissabbiatura, equalizzazione-sedimentazione primaria)".

"Sulla qualità delle acque reflue, l’impianto è dimensionato anche per l’abbattimento dell’azoto totale e, in ogni caso, risponde ai parametri previsti dalla norma, come previsto dal Piano di Tutela delle Acque della Regione Puglia. In riferimento al ciclo dei fanghi, si precisa che nell’impianto di Manfredonia sono regolarmente funzionanti la torcia biogas e il digestore anaerobico; quest’ultimo, dopo un intervento di potenziamento infrastrutturale, è stato avviato all’esercizio a marzo. La nuova centrale termica entrerà in esercizio al termine del collaudo". 

Si evidenzia, infine, che il gruppo elettrogeno di soccorso è regolarmente in esercizio. I depuratori sono presidi sanitari a tutela del territorio e della qualità di vita complessiva dell'area servita, con l'esclusivo compito di restituire al loro ciclo naturale e con modalità compatibili e rispettose dell'ambiente, le acque provenienti dalle abitazioni dei cittadini allacciate regolarmente alla pubblica fogna.

Potrebbe interessarti

  • Peschici, un paradiso rovinato dal degrado: "L'inciviltà regna sovrana e subiamo i postumi delle notti brave"

I più letti della settimana

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Dramma sfiorato a Peschici: rischia di soffocare al ristorante, salvato da un turista. "Maurizio, sei un eroe!"

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Rissa di Ferragosto in pieno centro: scoppia lite tra due uomini, uno si scaglia contro gli agenti. Arrestato

  • Grave incidente stradale tra Trinitapoli e Cerignola, scontro tra due auto: un morto

  • Incidente sulla Statale finisce in rissa: in due finiscono al pronto soccorso, coinvolto anche un foggiano

Torna su
FoggiaToday è in caricamento