Grandine nelle campagne di Manfredonia e Cerignola: danneggiate pesche, albicocche e asparagi

CIA Puglia: "Colpite centinaia di aziende nelle campagne di Manfredonia e Cerignola"

Danni ai frutteti

Albicocche, pesche e asparagi sono le vittime dell'ultima ondata di maltempo: intere produzioni sono seriamente a rischio, considerati gli sbalzi termici che stanno interessando anche la Puglia. La grandine ha pesantemente compromesso i frutteti e le colture. La zona più colpita è localizzata in una fascia molto ampia in provincia di Foggia: sono centinaia le aziende che hanno subito danni tra Borgo Tressanti, in agro di Cerignola, e nelle località Fonterosa e Beccarini, in agro di Manfredonia. CIA Agricoltori Italiani Puglia ha raccolto le segnalazioni e ha già avviato un monitoraggio per quantificare i danni.

VIDEO. LA NEVE CHE NON TI ASPETTI

Risparmiati dal gelo, i frutti di albicocco e pesco, dopo le fioriture anticipate dal caldo, sono stati martoriati dalle grandinate e hanno fatto registrare le perdite più ingenti. I raccolti di asparago sul terreno sono andati persi. Ancora da verificare, ma comunque minori, i danni ai vigneti. Superata la notte tra giovedì e venerdì, soggetta al maggior rischio di gelate, agli agricoltori non resta che sperare in un progressivo miglioramento delle condizioni meteo. Solo mercoledì, un'ulteriore grandinata nella zona di Borgo Mezzanone, in agro di Manfredonia, ha devastato altre colture. Dopo aver subito condizioni di stress idrico - in molte zone della regione non pioveva da mesi - la Puglia si è trovata a fronteggiare repentine variazioni di temperatura.

Dichiara il presidente CIA Puglia Raffaele Carrabba: "L'agricoltura sta pagando a caro prezzo l'instabilità e le bizze del tempo. Non sono più derogabili misure strutturali in grado di tutelare stabilmente il reddito agricolo e i sacrifici di una vita che rischiano di essere annientati ormai con cadenza mensile. Le aziende agricole colpite da calamità eccezionali devono essere ristorate nell'immediato per poter ripartire. Gli agricoltori non possono più essere ostaggio di sconvolgimenti che ribaltano le stagioni. Basti pensare alla neve fioccata dopo giornate di temperature ben oltre la media primaverile. I governi, a tutti i livelli, devono necessariamente pianificare interventi che tengano conto dei cambiamenti climatici in atto".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • È certo, il governo è come il tempo, cambia a seconda della "corrente"... Ke fa capo al vecchio detto : quann u kul men avint.... u midk (medico) nun guadagn nint... e così è per l'agricoltura... se piove o grandina o tira vento... il contadino non guadagna niente .... e quindi ... per lui : zomp u c-trul e vac .......all'urtulan !

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incidente alla festa del Soccorso, esplode un petardo e ferisce gravemente una donna: rischia di perdere un braccio

  • Cronaca

    Incidente alla festa del Soccorso, donna in prognosi riservata. Miglio: "Preghiamo per lei"

  • Eventi

    A lezione da 'Don Pietro': Fortunato Cerlino alla Piccola Compagnia Impertinente, tra l'Amleto e il ruolo sociale del teatro

  • Cronaca

    Foto col grembiule di Mussolini, la Canistro si difende: "E' stata una goliardata. Sono antifascita"

I più letti della settimana

  • Rubata a Foggia l'auto di Alessia Macari, compagna del giocatore Oliver Kragl

  • Foggia Calcio, pioggia di deferimenti: ci sono anche Agnelli e Mazzeo

  • Ragazze schiavizzate e costrette a prostituirsi: irruzione nella "prigione" degli orrori, sei arresti

  • Incidente alla festa del Soccorso, esplode un petardo e ferisce gravemente una donna: rischia di perdere un braccio

  • Che batosta per il Gargano e il turismo: la galleria Monte Saraceno sarà chiusa nelle sere d'agosto

  • Presa la banda degli assalti ai blindati: milioni rubati per una vita nel lusso sfrenato e per prestigio

Torna su
FoggiaToday è in caricamento