Lavoro nero a San Giovanni Rotondo: sanzionati tre imprenditori

Il blitz è avvenuto in una pasticceria, un'agenzia immobiliare e in una ditta di vendita all'ingrosso e al dettaglio di frutta e verdura. In tutto 15mila euro di multa, sospesa un'attività

I Carabinieri di San Giovanni Rotondo e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Foggia hanno espletato accertamenti per frenare il fenomeno del “Lavoro Nero”.

Sono state passate al setaccio tre aziende ove è stato riscontato l’impiego di altrettanti lavoratori non assunti, in contrasto con le vigenti norme sul collocamento dei lavoratori.

In particolare è stata ispezionata una pasticceria, un’agenzia immobiliare e una ditta di vendita all’ingrosso e al dettaglio di frutta e verdura. Ai tre imprenditori sono state comminate maxi sanzioni per un totale di 15mila euro.

Ad uno di loro è stata sospesa l’attività imprenditoriale per inosservanza delle norme in materia di sicurezza.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Uno fa il palo, l'altro 'l'apri-porta': presi i due complici della rapina di via Guareschi

    • Monti Dauni

      Andare a vivere a Candela conviene: il sindaco offre un contributo a chi decide di trasferirsi

    • Cronaca

      Incastrato dalle telecamere mentre appicca il fuoco ad un'auto, in casa nascondeva tre 'bombe'

    • Cronaca

      Danneggiato da una bomba, pub riapre dopo due mesi

    I più letti della settimana

    • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: due morti e tre feriti

    • Inseguimento da film a Foggia: giovani su una Peugeot scappano e speronano auto della polizia

    • Nel buio della notte tagliano saracinesca e svaligiano negozio. La titolare: “Vado avanti più forte di prima”

    • Incendio in via Arpi: prende fuoco noto ristorante giapponese

    • Uno fa il palo, l'altro 'l'apri-porta': presi i due complici della rapina di via Guareschi

    • Shock a San Severo, tre rapine in pochi minuti. Il sindaco al Ministro: “Basta, ora ascoltaci!”

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento