Chiedono lo stipendio e il rispetto degli orari di lavoro, licenziati. Monta la protesta: "Superato ogni limite"

Accade nelle associazioni che gestiscono il SEU. Usb annuncia presidio di protesta: "Gestione padronale del servizio pubblico vada al di là del rispetto dei diritti e della dignità"

“L’impunità con cui alcuni presidenti di associazioni di volontariato che gestiscono postazioni del Servizio di Emergenza-Urgenza 118 continuano a vessare, intimidire e licenziare i lavoratori sta superando ogni limite”. Esordisce così l’Usb Foggia con Santo Mangia. Che fa sapere: “Nel giro di qualche giorno tre lavoratori di questo servizio e che operano nel 118 da oltre 10 anni sono stati mandati a casa con delle motivazioni che dimostrano, ancora una volta e se mai ce ne fosse bisogno, come la gestione padronale di un servizio pubblico vada al di là del rispetto dei diritti e della dignità dei lavoratori”.

“Per questi signori, infatti – continua Mangia-, diventa imperdonabile che un lavoratore pretenda il diritto alla paga mensile, diventa imperdonabile che chieda i DPI (dispositivi di protezione individuale) nonostante questi siano abbondantemente pagati dalla Asl, diventa imperdonabile che il lavoratore pretenda il rispetto dell’orario di lavoro e delle mansioni per cui è stato assunto”.

“Per questi motivi e per portare solidarietà ai lavoratori che hanno perso il lavoro con prospettive nere per il sostentamento delle proprie famiglie, e anche per ribadire che la Usb ed i lavoratori non vogliono la gara ponte in attesa dell’AREU ma una internalizzazione vera nella società in house della Asl Fg (Sanitaservice), i lavoratori del 118 che operano nelle postazioni gestite dalle associazioni di volontariato in provincia di Foggia si ritroveranno in un presidio presso la postazione del 118 di Manfredonia (ubicata presso l’ospedale di Manfredonia) il giorno 8 Aprile 2019 a partire dalle ore 9.00. Durante tale presidio ci sarà un conferenza stampa” annuncia il sindacalista Usb.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piccola Alice non ce l'ha fatta: è morta la bimba di 6 mesi in vacanza con i genitori sul Gargano

  • Scossa di terremoto a Foggia e sul Gargano

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Attimi di terrore a Vieste: bimba di 6 mesi rischia di morire soffocata, sanitari le salvano la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento