Asilo nido dell'Addolorata: sabato 2 aprile iniziano i lavori

La struttura accoglierà 46 bambini. Lo staff sarà composto da un coordinatore pedagogico, sei educatori e tre addetti ai servizi generali

Sabato 2 aprile alle 11.30 presso l'ex Conventino di via Barra, l'assessore regionale al Lavoro e al Welfare, il sindaco della città e il commissario straordinario dell'IPAB Alfonso De Pellegrino, taglieranno il nastro per l'avvio dei lavori di costruzione dell'asilo nido dell'Addolorata, infrstruttura sociale realizzata dall'IPAB Istituto dell'Addolorata con i fondi della Regione Puglia e l'assistenza tecnica del Comune di Foggia.

La struttura, destinata ad accogliere 46 bambini di età compresa tra i 3 e i 36 mesi, sarà realizzata con la ristrutturazione e la riqualificazione funzionale di ampie porzioni di piano terra, primo piano e terrazza (per oltre 1.740 metri quadri di superficie coperta e scoperta) della storica struttura che sorge nel centro di Foggia. Previsti spazi per l’attività didattica e di comunicazione dei bambini, un laboratorio sperimentale ed uno medico, zone dedicate alla lettura e aree dove poter giocare con gli adulti in cortile e sul terrazzo. Cucina, bagni, sale per il cambio e la pulizia e aule per la formazione del personale completano la struttura. Lo staff che gestirà l’asilo sarà composto da 10 unità: 1 coordinatore pedagogico, 6 educatori e 3 addetti ai servizi generali.

Il piano degli investimenti prevede un impegno finanziario totale pari a 700.000 euro: il 75% a carico della Regione Puglia (525.000 euro) e il 25% dell’IPAB Istituto dell’Addolorata (175.000). Poco più del 91% della somma è stato destinato alla realizzazione dell’asilo nido (640.000 euro), mentre la restante parte coprirà le spese di start up della struttura, così da consentire all’Istituto di arrivare al pareggio di bilancio già nel primo anno di attività.

I finanziamenti rientrano nel P.O. FESR PUGLIA 2007-2013 - ASSE III “Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l’attrattività territoriale” - Linea di intervento 3.2 “Programma di interventi per l’infrastrutturazione Sociale e Sociosanitaria territoriale”, e sono stati attribuiti dall’assessorato regionale alla Solidarietà nel 2009.

I punti di forza del progetto sono la flessibilità e l’innovatività del servizio – afferma Alfonso De Pellegrinoche ci consentiranno di adeguare al meglio le prestazioni ed i servizi offerti alle esigenze degli utenti, in particolare delle donne lavoratrici che più di altri hanno necessità di conciliare tempi di vita e di lavoro”.

"L’asilo nido Addolorata è “uno dei molteplici esempi di servizi e strutture realizzate per estendere e potenziare la rete dei servizi socio-educativi integrati per l’infanzia – afferma l’assessore regionale al Lavoro e Welfare, Elena Gentileassunta dalla Regione Puglia come una delle più grandi priorità di intervento per la costruzione di benessere. Su questo particolare fronte, la Capitanata registra un ritardo rispetto ad altri territori pugliesi che l’attivazione di strutture così ben concepite e progettate ci consentirà di colmare nel prossimo biennio”.
 

Potrebbe interessarti

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

  • Ultim'ora | Shock in via Tiro a Segno, a Cerignola: auto investe sei adolescenti, due sono gravissimi

  • Cerignola in angoscia per i sei ragazzini investiti: falciati da un'auto sul 'circuito', due sono in rianimazione. Metta: "Preghiamo"

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento