Con l'auto nell'isola pedonale, colpisce una panchina e la danneggia: identificato 30enne, dovrà risarcire il Comune

Identificato l'uomo che, alla guida del suo veicolo, ha danneggiato una seduta di proprietà del Comune di Foggia urtandola e spostandola dalla sua sede. Il giovane è stato multato e dovrà risarcire l'Ente per i danni arrecati

La seduta danneggiata

Con l'auto nell'isola pedonale di piazza Cesare Battisti, colpisce una seduta in marmo e la sposta; poi fugge come se nulla fosse accaduto. Il responsabile del gesto è stato individuato dagli agenti della polizia locale, nell'ambito dei servizi antidegrado.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più precisamente, lo scorso 2 dicembre, gli agenti della Polizia Locale, a seguito di attività di indagine posta in essere dopo il danneggiamento di una panchina di marmo in piazza Cesare Battisti, ha identificato un cittadino italiano di 30 anni che in data 24 novembre, alla guida di un veicolo, ha danneggiato la seduta di proprietà del Comune di Foggia urtandola e spostandola dalla sua sede. L'uomo è stato sanzionato ai sensi dell'art. 15 del Codice della Strada e segnalato all'ente proprietario della panchina per il risarcimento del danno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Palpeggia, solleva e stringe a sè ragazza in via Sabotino. Interviene la polizia. Cittadino denuncia: "Siamo stanchi"

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • Ragazza trovata morta nel bagno della sua stanza: la tragedia nella residenza universitaria Einstein di Milano

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • Federica, la ricercatrice che combatteva contro le ingiustizie strappata alla vita da un aneurisma cerebrale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento