Agguato a colpi di fucile, Carbone ucciso a due passi da casa: nella notte, stub e perquisizioni

Sull'accaduto indagano i carabinieri. L'agguato si inserisce nell'ambito della guerra di mala tra clan del basso Tavoliere, pertanto le indagini potrebbero passare nelle mani della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari

Il luogo dell'omicidio

Non poteva avere scampo, il 63enne Cosimo Damiano Carbone, assassinato nel tardo pomeriggio di ieri, a Trinitapoli, a pochi passi dalla sua abitazione. E' rimasto vittima di una pioggia di colpi esplosi da almeno due persone armate di fucile caricato a pallettoni e di una pistola. 

Per Carbone, ritenuto dagli inquirenti elemento di spicco della criminalità locale, non c'è stato nulla fare: mortali le ferite riportate al collo e al petto, ma maggiori elementi, sul punto, potrà fornirli solo l'esame autoptico che verrà eseguito nei prossimi giorni). Al momento dell'agguato, in auto con la vittima vi era anche un'altra persona - scampata all'agguato e successivamente identificata e ascoltata dai militari - che però non ha saputo fornire indicazioni utili alle indagini. 

Intanto, per tutta la serata e la nottata di ieri, i carabinieri hanno ascoltato amici e parenti della vittima, oltre ad eseguire 5 stub (esame che rileva la presenza di polvere da sparo su pelle e indumenti) e altrettante perquisizioni a carico di pregiudicati locali, ma tutte con esito negativo. I killer sono giunti a bordo di una Jeep Renegade, poi abbandonata e data alle fiamme in campi alla porte di Trinitapoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull'accaduto sono in corso le indagini dei militari dell'Arma. L'agguato si inserisce nell'ambito della guerra di mala tra clan del basso Tavoliere, pertanto le indagini potrebbero passare nelle mani della Direzione Distrettuale Antimafia. Carbone, lo ricordiamo, è ritenuto dagli inquirenti a capo del clan opposto al gruppo Miccoli-De Rosa. Era stato recentemente condannato all'ergastolo  per un omicidio e un tentato omicidio ma beneficiava di brevi periodi di detenzione domiciliare per problemi di salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Coronavirus, quattro casi e tre decessi in Puglia. I positivi scendono sotto quota mille. Zero contagi e nessuna vittima in Capitanata

  • Sangue in strada, omicidio a Trinitapoli: 43enne freddato con tre colpi di arma da fuoco

  • Ingerisce una sostanza nociva, errore fatale a Monte Sant'Angelo: Donato Ciuffreda non ce l'ha fatta. "Un ragazzo buono"

  • Coronavirus: due casi in provincia di Foggia, solo quattro in tutta la Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento