Francesco Ginese: sulla morte del ragazzo di Foggia la Procura di Roma apre un fascicolo

Non c’è ancora un numero definito di persone nel registro degli indagati, ma le indagini serviranno a dare risposte sui soccorsi e, soprattutto, sulla dinamica dell'incidente. Fari puntati anche sulle manifestazioni ‘abusive’ in ateneo

Francesco Ginese

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine sulle circostanze che hanno causato la morte del giovane Francesco Ginese, 26enne foggiano, deceduto ieri, al Policlinico Umberto I, nella Capitale, dopo essere rimasto vittima di un incidente, la notte precedente, mentre cercava di scavalcare la cancellata dell’università La Sapienza, per prendere parte alla manifestazione ‘abusiva’ Notte Bianca - Sapienza Porto Aperto.

Nell’atto di scavalcare, il giovane è rimasto infilzato con una coscia sulla cancellata, provocandosi una gravissima emorragia: a nulla sono valsi gli interventi chirurgici cui è stato sottoposto durante la notte, né la gara di solidarietà scattata per donare sangue.

Al momento non c’è ancora un numero definito di persone finite nel registro degli indagati, ma le indagini serviranno a dare risposte sui soccorsi e, soprattutto, sulla dinamica dell'incidente. Non solo. I fari sono puntati anche sulla gestione delle manifestazioni ‘abusive’, ovvero non autorizzate dall’ateneo, e sul perché le porte d'ingresso dello stesso fossero aperte in un orario non autorizzato.

Foggia in lacrime per Francesco: "Non doveva finire così"

Attorno alle ‘notti bianche’ de La Sapienza, organizzate da alcuni collettivi studenteschi, da tempo ci sono tensioni. Come riporta RomaToday.it, l'ateneo di Roma ha spiegato, in più occasioni, che "quando ha notizia dell'organizzazione di eventi non autorizzati, provvede sempre ad una preventiva formale comunicazione alle autorità di pubblica sicurezza". Inoltre, nella nota emessa dopo la morte di Francesco Ginese, l'università sottolinea che "qualora tali eventi non autorizzati dovessero effettivamente svolgersi, contravvenendo al Regolamento in materia e/o forzando gli accessi agli spazi universitari, l'Ateneo procede sempre a presentare un esposto alla Procura della Repubblica". Dall'università fanno sapere che "rattrista grandemente che nonostante i ripetuti moniti, divieti e denunce a evitare comportamenti non consentiti e rischiosi per l’incolumità, si sia verificato un gravissimo incidente che è costato una giovane vita".

La Questura, invece, ha ribadito che, come successo anche in altre occasioni, non è stato chiesto in "maniera esplicita l'uso della forza pubblica". Gli organizzatori delle 'notti bianche' hanno voluto dire la loro in un lungo post su Facebook per "precisare alcune verità" partendo dal fatto che "non vi era alcun 'ticket d'ingresso', ma una semplice offerta libera. Il cancello di piazzale Aldo Moro era aperto". Poi, nel comunicato, vengono presi in considerazione altri punti: "Sapienza Porto Aperto non è stato un rave. È stata piuttosto un'iniziativa artistico-culturale articolata in dibattiti sull’attualità, sport, musica, danze, live painting; ideata e realizzata per vivere e attraversare la città universitaria in modo diverso dal solito. Francesco è stato soccorso dall'ambulanza già presente in città universitaria, perché garantita, come sempre in questi casi, dalle studentesse e dagli studenti".

Punti di vista che verranno, con ogni probabilità, acquisiti da chi indaga. Nel frattempo il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti auspica che "si faccia presto chiarezza per individuare eventuali responsabilità. Resta il rammarico e il dolore per la morte di Francesco, una tragedia che poteva e doveva essere evitata". Bussetti si unisce "al dolore dei familiari e degli amici per questa grave perdita". "Quello che è accaduto venerdì sera alla 'Sapienza' non deve più ripetersi: è inaccettabile che un luogo di formazione e cultura, vera e propria eccellenza italiana, venga trasformato in una discoteca abusiva".

Più duro il commento di Giorgia Meloni, presidente FdI, che parla di mancata sicurezza nei "rave illegali nell'università": "Sono zone franche ostaggio dell'estrema sinistra per la quale la legge sembra non valere, nonostante le ripetute denunce fatte dal Rettore della Sapienza. Un pensiero al giovane deceduto per colpa di questo lassismo".

Il partito di Giorgia Meloni presenterà una interrogazione parlamentare al Governo "per sapere come sia possibile che le università italiane si trasformino in zone franche in mano all'estrema sinistra nelle quali è concesso delinquere e lucrare in sfregio ad ogni legge dello Stato. La stagione dell'impunità dei collettivi e dei centri sociali all'interno delle università deve finire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento