Papa Francesco bacia la mano a don Michele De Paolis: “L’ho abbracciato e pianto”

Il 6 maggio, a Roma, il don dell'Emmmaus ha avuto la gioia di concelebrare l'Eucaristia con il papa argentino. "Pochi minuti, ma intensissimi: gli ho parlato delle "pietre scartate", con cui vivo"

Don Michele De Paolis e Papa Francesco

Ha incontrato Papa Francesco presso la chiesa di Santa Marta in Vaticano, rimanendo stupito dalla reazione del Santo Padre, che dopo un breve dialogo si è inchinato e gli ha baciato la mano. Protagonista dell’incontro è stato il fondatore di Emmaus don Michele De Paolis, 90 anni, da sempre al fianco degli ultimi, gli emarginati. Il 6 maggio, a Roma, don Michele ha avuto la gioia di concelebrare l’Eucaristia con il papa argentino.

Un mix di emozioni e sensazioni che il don foggiano ha provato a sintetizzare così: “Ho concelebrato con Papa Francesco. Ho letto il vangelo. Dopo la celebrazione, il Papa riceve i presenti in un’altra sala. Io, col mio accompagnatore, eravamo gli ultimi.

Pochi minuti, ma intensissimi: gli ho parlato delle “pietre scartate”, con cui vivo; gli ho presentato i doni (un crocifisso, un calice e una patena in legno d’ulivo, bellissimi); gli ho comunicato le nostre iniziative in corso per gli immigrati di Lampedusa.

E’ rimasto assai contento. Gli ho detto: ”Vorremmo tanto un’udienza per noi di Emmaus. E’ possibile?” “Tutto è possibile. Parlane con Card. Maradiaga e combini lui ogni cosa”. Poi, mi ha baciato la mano! Io l’ho abbracciato e ho pianto”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)