Incidenti quotidiani e mortali sulle strade statali, Lonigro sollecita Giannini a far intervenire l'Anas

Dalla statale 16 alla statale 89, senza dimenticare la strada che collega Lucera a Campobasso e la direttrice che collega le province di Foggia e Avellino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Le “condizioni di pericolosità” in cui versano alcune strade statali della Capitanata ha indotto Pino Lonigro, in qualità di presidente regionale della prima commissione Bilancio, a scrivere all’assessore Gianni Giannini, per sollecitare un intervento nei confronti dell’Anas, ente gestore stradale.

“Sono i cittadini della mia Capitanata, che giustamente protestano per le condizioni ormai insostenibili delle strade statali, a rendermi promotore di un’iniziativa” scrive Lonigro. “Per questo mi sono rivolto all’assessore regionale ai Lavori pubblici. L’elenco delle strade pericolose – commenta Lonigro -  comincia con la Tangenziale di Foggia, tratto molto trafficato, nel quale avvengono incidenti pressoché quotidiani e a volte purtroppo mortali. Le condizioni pietose del manto stradale, con la presenza di buche e avvallamenti, rendono la viabilità quasi impossibile alle migliaia di automobili e camion che ogni giorno percorrono la variante della città”.

C’è poi la Statale 16, che collega Foggia a San Severo, che negli anni ha meritato l’appellativo tragico di ‘strada della morte’, perché altamente pericolosa. Qui necessitano lavori di raddoppio della carreggiata, per metterla quanto prima in sicurezza. Altra statale insidiosa, è la 89, da Foggia a Manfredonia.

Nel tratto che va da Amendola al centro sipontino, c’è la necessità di completare lo spartitraffico centrale. Infatti, sebbene la sede stradale sia ripartita in quattro corsie, da molti anni avvengono incidenti frequenti, spesso mortali, per l’imprudenza degli automobilisti che azzardano manovre di inversione del senso di marcia. Poi vi è la Statale 17 che collega Lucera a Campobasso, oramai una groviera per la presenza di enormi buche, che in caso di pioggia si riempiono d’acqua diventando invisibili e quindi rendono la viabilità alquanto impossibile”.

“Infine c'è anche la Statale 90, l’unica che collega le province di Foggia e Avellino, oggetto lo scorso anno di una mia interrogazione: purtroppo, nonostante alcuni interventi, resta ancora in condizioni pietose. Ho ritenuto opportuno chiamare in causa l’assessore, perché intervenga nei confronti dell’Anas, responsabile della manutenzione delle arterie stradali, affinché si provveda ad effettuare non solo ripristini del manto stradale usurato e scivoloso, ma anche interventi strutturali definitivi, come il raddoppio della SS 16 tra Foggia e San Severo e il completamento dello spartitraffico della Foggia–Manfredonia, nel tratto che parte da Amendola, che ne è privo. È indispensabile che la mobilità dei nostri concittadini venga  resa sicura e scorrevole, con la messa in sicurezza definitiva delle strade. Solo così – conclude Lonigro – potremo realmente ridurre i tanti incidenti e le tante lacrime che ogni anno vengono versate per la morte di troppe persone”.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento