Monte Sant’Angelo: scavalcano recinzione del centro di raccolta rifiuti e incendiano cassonetti

E’ accaduto a Monte Sant’Angelo, non ci sono le telecamere. Il sindaco D’Arienzo: “

I carabinieri di Monte Sant'Angelo

Nella notte tra il 12 e il 13 marzo – come riporta il sindaco di Monte Sant’Angelo su FB - ignoti hanno scavalcato la recinzione del Centro Comunale di raccolta ubicato in zona Cimitero e incendiato alcuni cassonetti della carta e della plastica. Il danno ammonterebbe a circa 3mila euro. La ditta appaltatrice che gestisce il centro ha sporto regolare denuncia ai Carabinieri della locale caserma, chiamati a scoprire gli autori dell’ignobile gesto

Queste le parole di Pierpaolo D’Arienzo: “Spiace dover ancora una volta sottolineare che la carenza di telecamere nei pressi del centro non consentirà di acquisire alcuna immagini dell'area interessata al momento del crimine. All'assenza di una viabilità asfaltata per raggiungere il centro, si aggiunge la carenza di un adeguato sistema di video sorveglianza oltre ad una infinita serie di altre insufficienze che rendono l'infrastruttura non adeguata allo scopo, tra cui il limitato orario di apertura. Si sta cercando, insieme con l'attuale gestore, di rendere fruibile il centro 24 ore su 24, dopo naturalmente aver installato un sistema di telecamere interno a circuito chiuso, sistemato il piazzale antistante per rendere più agevole l'avvicinamento dei mezzi e realizzato un sistema di accesso che identifichi l'utenza che conferisce”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale, auto esce fuori strada e si schianta contro un albero: muore 44enne

  • Tenta il suicidio, sospeso nel vuoto tra il balcone e l'asfalto perde i sensi: figlio, vicino, carabinieri e 115 gli salvano la vita

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Grave incidente stradale in A14: sei feriti in tre tamponamenti, grave un uomo di Manfredonia

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Aggredita dai vicini per una colonia felina, finisce in ospedale volontaria animalista: "Colpita in faccia con un portachiavi appuntito"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento