Fiamme in via Gramsci, incendiata l'auto di un medico legale dell'INPS: "E' lo scotto da pagare per lavorare onestamente"

E' accaduto giovedì scorso, in pieno giorno, a Foggia. Il medico legale presiedeva in quel momento la commissione per la revisione delle invalidità civili. Ad andare completamente distrutta anche l'auto di un infermiere, parcheggiata vicino

La macchina di un medico legale è andata fuoco in pieno giorno, a Foggia. Giovedì scorso, alle ore 12.30, le fiamme hanno avvolto una Mercedes GLC che si trovava nel parcheggio sito di fronte alla sede dell’Inps di Foggia, in via Gramsci, dove il medico legale lavora. Proprio giovedì scorso la donna presiedeva la commissione per la revisione dell’invalidità civile.

Sul posto i Vigili del Fuoco, che hanno accertato la natura dolosa dell’incendio, e la Polizia. Le fiamme si sono estese anche all’autovettura di un infermiere INPS parcheggiata vicino alla prima: ambedue le autovettura sono andate completamente distrutte.

“E’ questo lo scotto da pagare per lavorare onestamente” lamenta a Foggiatoday la donna, che subisce un danno di tali dimensioni per la prima volta, “evidentemente a qualcuno ha dato fastidio qualcosa”.

Sono in corso le indagini per identificare gli autori di quello che appare un atto intimidatorio nei confronti del medico legale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Coronavirus: altri due casi in Puglia, sono la moglie e il fratello del 'Paziente 1' della provincia di Taranto

  • Scacco matto alla pericolosa 'Banda del Buco', otto arresti tra Foggia e San Severo: i nomi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento