Preso a cinghiate all'esterno di un locale, frattura del cranio per un 20enne di San Severo: è caccia agli aggressori

Il fatto è avvenuto lo scorso giovedì sera, in via Bologna, a Pescara. Dalla Tac è emersa la frattura al cranio e l'intervento chirurgico è stato inevitabile. Adesso il giovane è ricoverato nel reparto di Neurochirurgia

Immagine di repertorio

Un giovane studente universitario di San Severo è stato aggredito e ferito gravemente a cinghiate da un gruppo di ragazzi, a Pescara. Il fatto è avvenuto lo scorso giovedì sera in via Bologna fuori da un locale dove il 20enne era stato in compagnia di alcuni amici.

Come riporta IlPescara.it, secondo quantoraccontato dal padre della vittima al quotidiano "Il Centro", il ragazzo sarebbe stato aggredito per futili motivi da un gruppo di giovani mentre era in fila per acquistare un panino prima di rientrare a casa. Una parola di troppo e sarebbe scattata la violenza: il giovane sarebbe stato colpito più volte alla testa con la fibbia di una cintura. Scattato l'allarme sul posto sono giunte le volanti della polizia e un'autoambulanza.

Ma solo dopo il rientro a casa il giovane ha deciso di recarsi in ospedale visto il persistere del mal di testa. Dalla Tac è emersa la frattura al cranio e l'intervento chirurgico è stato inevitabile. Adesso il giovane è ricoverato nel reparto di Neurochirurgia. Dopo la denuncia presentata dai familiari gli agenti della Squadra Mobile, diretti da Dante Cosentino, stanno indagando sul caso per risalire ai responsabili di questa aggressione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Palpeggia, solleva e stringe a sè ragazza in via Sabotino. Interviene la polizia. Cittadino denuncia: "Siamo stanchi"

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento