Con un carico di pannelli fotovoltaici rubati, tentano la fuga e speronano carabinieri: arrestati

E' accaduto la scorsa notte, lungo la provinciale che da Cerignola porta a Canosa di Puglia: con l'accusa di ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, arrestati due giovani origine marocchina e residenti a Stornara

Immagine di repertorio

Con un carico di pannelli fotovoltaici appena rubati, ingaggiano un lungo inseguimento con i carabinieri. E' quanto accaduto la scorsa notte, lungo la provinciale che da Cerignola porta a Canosa di Puglia, dove i carabinieri della compagnia ofantina hanno arrestato -  con l'accusa di ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale - due giovani pregiudicati di  origine marocchina e residenti a Stornara. Si tratta di Aziz El Fekkak di 39 anni e di Abdellatif Nazih di 35.

Tutto è inniziato intorno alle 4.30 circa del mattino, quando gli uomini dell'Aliquota Radiomobile hanno incrociato un furgone sospetto. Effettuata un’inversione di marcia, i carabinieri hanno intimato l’alt al mezzo che, invece di arrestare la corsa, ha accelerato, tentando di dileguarsi. Ne è quindi nato un inseguimento, durato per circa 10 chilometri, durante i quali l’autista del mezzo in fuga ha tentato più volte di speronare e lanciare fuori strada l’auto militare che, intanto, provava invano di superare il furgone così da bloccarlo. Ad un certo punto, però, il furgone improvvisamente si è fermato e dal mezzo sono usciti due uomini che si sono dati alla fuga a piedi, tentando di far perdere le proprie tracce. I militari, però, non si sono fatti sorprendere dai due malfattori, sono riusciti a raggiungerli, bloccarli e, successivamente, ad ammanettarli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il motivo della fuga è ben presto stato compreso. I due, infatti, nel cassone del furgone trasportavano un tesoretto di pannelli fotovoltaici, circa 200, del valore commerciale di alcune decine di migliaia di euro. I successivi accertamenti hanno poi permesso di risalire alla proprietà dei pannelli, ovvero una società, con sede a Milano, che proprio a Cerignola ha un impianto fotovoltaico. I pannelli, dunque, sono stati riconsegnati ai legittimi proprietari, mentre i due uomini sono stati rinchiusi nel carcere di Foggia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

  • Coronavirus, 8 casi in Puglia ma Capitanata senza vittime né contagi. I positivi scendono a 1222

Torna su
FoggiaToday è in caricamento