Furto di energia elettrica a Rignano Garganico: manomette il contatore e si collega all'impianto pubblico

Un 39enne del posto è stato arrestato dai Carabinieri. Aveva realizzato un collegamento abusivo all'impianto di illuminazione pubblica

Ennesimo furto di energia elettrica scoperto dai Carabinieri. Per questo reato è stato arrestato V.M., 39enne nullafacente di Rignano Garganico, fermato dai militari della locale Stazione. 

L'uomo, già noto alle forze di polizia, è accusato di furto aggravato e continuato di energia elettrica. Nel corso di un servizio di prevenzione per reati di questo tipo, i militari hanno notato nella giornata di martedì un collegamento elettrico abusivo all'impianto di illuminazione comunale. 

Il successivo sopralluogo, effettuato con il supporto di personale tecnico dell'Enel, ha consentito ai militari di appurare come l'uomo avesse manomesso il contatore e collegato abusivamente un cavo all'impianto pubblico, evitando, così, di pagare il dovuto per quanto consumato. Al termine delle operazioni di rito è stato accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento