Mamme preoccupate, furtarelli e disagi all'asilo 'Tommy Onofri': "La sicurezza dei nostri figli prima di tutto!"

Tre furti in una settimana o poco più nell'asilo comunale di via Pinto, a Foggia. "Sfregi più che furti, che creano disagio ai bambini e alle famiglie-utenti"

Immagine di repertorio

La preoccupazione c’è, e tanta. A condividere lo stato di apprensione ed inquietudine sono le mamme dei bambini che frequentano l’asilo nido comunale ‘Tommy Onofri’, in via Pinto, a Foggia.

La causa di tale agitazione è la sequenza di furti spiccioli e piccole ruberie verificatasi negli scorsi giorni. “Tre episodi in una settimana o poco più”, spiegano angosciate le mamme. Il primo episodio è avvenuto lo scorso martedì, in pieno pomeriggio (“quindi quando l’asilo era ancora operativo”, puntualizzano): ignoti si sono introdotti nella struttura asportando una borsa ed un telefono cellullare ad una dipendente della struttura.

“L’idea che dei ladri possano entrare in asilo quando ci sono i bambini è terrorizzante”, scrivono le mamme. E poco importa se per portar via un pacco di caramelle o altro bottino. A questo episodio ne sono seguiti altri due, a breve distanza: la notte tra martedì e mercoledì, infatti, qualcuno si è introdotto nella struttura infrangendo il vetro di una finestra per scassinare il distributore automatico di snack e bevande presente all’interno dell’asilo. Il bottino è di una manciata di monetine, ma la struttura ha dovuto bonificare e mettere in sicurezza gli ambienti.

Niente lezioni, quindi, per due giorni. Lo scorso lunedì, però, la storia si ripete: stesso furto-fotocopia, altro vetro rotto, altri spiccioli (cinque euro o poco più) asportati dal distributore automatico e bambini rimandati ancora una volta a casa. E senza alcun preavviso da parte della scuola. “Episodi che hanno più il carattere di uno sfregio che di furto vero e proprio, ma che creano disagio ai bambini e alle famiglie-utenti. La struttura, infatti, al momento è priva di dirigente (in attesa di assegnazione) e non c’è stata alcuna comunicazione ufficiale in merito: in buona sostanza, i bambini arrivavano alla porta e venivano rispediti indietro”.

“Questi episodi - concludono le mamme - mettono in luce una falla gravissime sulla sicurezza: chiediamo al più presto la nomina di una figura dirigenziale dedicata e presente, che possa far fronte con celerità ed efficienza ad ogni problema. Inoltre è necessario che la struttura venga dotata di telecamere per la videosorveglianza sia all’interno che all’esterno del plesso scolastico. La sicurezza dei bambini prima di tutto”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Un parto inaspettato in casa e un bimbo salvo per miracolo: così gli angeli del 118 e "quella mano di Dio" fanno nascere Gerardo

  • Cronaca

    Colpi di pistola contro l'auto di don Coluccia, il prete che si batte contro le mafie e quella "spietata e pericolosa" del Gargano

  • Economia

    Ma quale risalita, Foggia sprofonda: è penultima nella classifica sulla Qualità della Vita

  • Cronaca

    La malavita si fa sentire, a fuoco il centro di raccolta rifiuti a Monte Sant'Angelo. Il sindaco: "Mafia cancro che ci divorerà"

I più letti della settimana

  • Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Tragedia sui binari: operaio foggiano investito e ucciso da un treno

  • Tifoso della Cremonese in viaggio verso Foggia, muore colpito da un malore: tragedia nei pressi di San Severo

  • Automobilisti rapinati e sangue sulla Statale 16: è caccia ai delinquenti che seminano il terrore nel Cerignolano

  • Attimi di paura in un bar di via Nedo Nadi: rapinatore armato va via col malloppo sparando due colpi a salve

  • Muore prima di giungere allo stadio, Foggia omaggia Federico. La Cremonese: “Grazie di cuore”

Torna su
FoggiaToday è in caricamento