Furbetti in Ataf, i sindacati: "No fango sui dipendenti". Foggiatoday: "Abbiamo fatto solo il nostro lavoro"

Nota congiunta delle organizzazioni di categoria su presunte infrazioni disciplinari di alcuni dipendenti dell'azienda del trasporto pubblico locale

Riceviamo e pubblichiamo, con un'annotazione a margine, il comunicato stampa congiunto a firma di Filt Cgil, UilTrasporti, Fit-Cisl, Ugl Trasporti e Faisa Confail in merito all'articolo pubblicato da FoggiaToday in data 24 marzo: 'Furbetti del cartellino all'Ataf, lettera anonima mette nei guai dipendenti. Se ne andavano in giro invece di lavorare'.

"Le scriventi OO. SS. hanno appreso dai notiziari di emittenti locali e da articoli pubblicati su testate giornalistiche online, che in Ataf ci sarebbero stati ben cinque licenziamenti dettagliandoli con una notevole dovizia di particolari. Chi si rende responsabile di comportamenti e azioni in violazioni a norme contrattuali o ad obblighi di legge deve essere assoggettato alle procedure disciplinari, sia ben chiaro.

Ciò che non ci pare accettabile è voler dare in pasto all’opinione pubblica notizie frammentarie, senza citarne la fonte e fortemente lesive delle persone. Ci sono ignote l’origine dalle quali queste informazioni possano essere state generate.

Sentiamo di escludere l’ambito aziendale perché, a nostro avviso l'azienda non avrebbe mai potuto divulgare provvedimenti di questa portata prima ancora di averli formalizzati e comunicati agi interessati. Si tratterebbe di una condotta contraria ad ogni norma di corretta informazione e tutela della dignità di tutti i dipendenti Ataf.

Chiediamo, quindi, a chi capta e poi gira queste informazioni all'opinione pubblica, di valutarne attentamente le fonti ed il loro contenuto, evitando così di gettare fango su tutti i lavoratori, specie in un difficile periodo come quello che stiamo vivendo.

I lavoratori Ataf, così come altri lavoratori di altre aziende e settori, stanno garantendo con determinazione ed abnegazione, un servizio di primaria necessità per la popolazione, nonostante il concreto rischio di contagio e non meritano di essere trascinati in campagne denigratorie fondate sul nulla".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le precisazioni di Foggiatoday

Spiace constatare che le Organizzazioni Sindacali mettano in discussione l'accurato lavoro di verifica delle fonti dei giornalisti di questa testata. Siamo rispettosi del ruolo delle rappresentanze sindacali come, siamo certi, loro siano rispettose del ruolo degli organi di informazione, che non si limitano a "captare e girare" informazioni. Le informazioni contenute nell'articolo non sono in alcun modo denigratorie e lesive dei lavoratori tutti e della categoria, come evidente anche ad una lettura superficiale. Nella nota congiunta si legge che i "licenziamenti" (abbiamo parlato dell'avvio di procedure - precisiamo - non di avvenuti licenziamenti) sono stati dettagliati con una notevole dovizia di particolari, ma poi si contestano "notizie frammentarie". Peraltro, le condotte descritte sono ricondotte nell'alveo delle accuse. Si ricorda che il giornalista non è in alcun modo tenuto a citare la fonte che, anzi, è coperta da segreto professionale. Si ribadisce, infine, che non è intenzione di questa testata gettare fango su tutti i dipendenti e che il loro lavoro e lo spirito di abnegazione in questo difficile periodo sono stati oggetto di altri articoli.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento