Guerriglia al carcere di Foggia: detenuti evadono, fiamme e feriti nel penitenziario. Terrore in città e arresti

Non è chiaro quanti detenuti siano riusciti a guadagnarsi la fuga (alcuni sono stati riacciuffati immediatamente dopo la fuga). Appiccato anche un incendio. Arrestati molti detenuti evasi, in quattro stavano scappando a Bari

Fuga da Foggia: tutto questo non è un film

Ore 22.00 - Sono rientrati nelle loro celle i detenuti protagonisti della violenta rivolta in carcere. Ancora in corso la stima dei detenuti evasi

Ore 19.35 - Da un primo conteggio sembrerebbe che gli evasi ancora da rintracciare siano poco meno di venti. Poco più di quaranta quelli rientrati o catturati. 

Ore 19.00 - Al termine di un serrato confronto con il prefetto e il provveditore, i detenuti del carcere di Foggia hanno deciso di rientrare nella struttura devastatata durante la sommossa. Sarebbe stato raggiunto un 'compromesso' che permetterà agli agenti penitenziari di effettuare il censimento e capire quanti detenuti mancano e soprattutto chi. Sono oltre trenta gli evasi intracciati o che si sarebbero costituiti. A piede libero circa quaranta detenuti, alcuni dei quali fuggiti su auto rubate.

Ore 16.30 - Alcuni detenuti sarebbero rientrati spontaneamente in carcere, ne mancherebbero all'appello una ventina. Ricerche in corso e posti di blocco in tutta la città. La protesta interna è ancora in atto. 

Ore 15.00 - Sono cinquanta i detenuti che questa mattina sono riusciti a forzare il cancello della black house - l'area che separa il penitenziario dalla strada - e scappare. Una trentina, preciso 36, sono stati già bloccati. 

Ore 13.30 - Non è chiaro quanti detenuti siano riusciti o meno a guadagnarsi la fuga. Dati non ufficiali riferiscono di circa 30-40 detenuti fuggiti; di questi, almeno la metà sarebbe stata già bloccata, mentre altri sono attivamente ricercati. In volo anche un elicottero. Intanto, polizia e carabinieri avrebbero già braccato alcuni evasi sulla strada per Bari e uno ad Orta Nova; gli altri sarebbero stati bloccati in via Galliani e in via Capozzi, a Foggia.

Ore 12.30 - Sulla vicenda è intervenuto anche l'ex Ministro dell'Interno, Matteo Salvini che ha bollato l'episodio di Foggia come "Evasione drammatica. Occorre il pugno di ferro, subito: chiusura di tutte le celle, sospensione di uscite e passeggiate, e chi sbaglia paga doppio". Nel frattempo, Giuseppe Martone, del provveditorato dell'amministrazione penitenziaria per la Puglia, ha raggiunto la struttura di via delle Casermette dove ha ricevuto una delegazione dei detenuti per concordare una soluzione che spenga la protesta, esacerbata dalle restrizioni dovute all'emergenza Coronavirus.

Ore 11.30 - Scene da film anche al Villaggio Artigiani, dove una ventina di evasi hanno tentato di impossessarsi delle autovetture costringendo le attività a chiudere. Barricati dentro titolari e clienti. Un meccanico sarebbe stato aggredito e derubato. (leggi qui). 

Le immagini degli evasi al Villaggio Artigiani

Ore 11.00 - La protesta è in atto: all'interno della struttura, la polizia penitenziaria è in affanno per contenere la sommossa; all'esterno decine di pattuglie di polizia e carabinieri giunti in supporto. Un gruppo di detenuti è riuscito a raggiungere il muro di cinta della struttura tentando l'evasione di massa come già accaduto in altre strutture detentive italiane. Nella guerriglia almeno un detenuto è rimasto ferito.

Segui la diretta su Facebook: clicca qui

Ore 10.00 - Scene  guerriglia dentro e fuori il carcere di Foggia dove, da questa mattina, i detenuti di due sezioni della struttura di via delle Casermette (circa 250-300 persone dei 630 soggetti ad oggi ristretti) hanno avviato una violenta protesta contro la decisione di sospendere i colloqui per contenere il rischio contagio da Coronavirus.

Audio-testimonianza: "Hanno sfasciato tutto"

"La situazione è incandescente", commenta a FoggiaToday Domenico Mastrulli del Cosp. "Le proteste di stanno diffondendo nelle varie strutture pugliesi e italiane (ieri proteste a Bari, Brindisi, Trani e Foggia). La polizia penitenziaria è storicamente sotto organico. La nostra proposta è quella di richiamare in servizio 7mila unità 'pescando' dal personale pensionato esperto in materia anti-sommossa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggiornato alle 16.40

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento