Prete orco nel Foggiano: violenza sessuale su 9 ragazzini, fotografati durante gli atti sessuali (don Gianni a processo)

"Nel maggio 2018 Trotta è stato condannato in primo grado dal Tribunale di Foggia alla pena di 18 anni di reclusione e 120 mila euro. Attualmente l'ex sacerdote sta scontando in carcere un'altra condanna a 8 anni reclusione per violenza sessuale nei confronti di un 11enne di Pietramontercorvino

Don Gianni

Come ha riportato l'Ansa il 1 marzo 2019, il 1 aprile 2019 comincerà il processo di Appello nei confronti dell'ex sacerdote 57enne foggiano Giovanni Trotta, imputato per i reati di violenza sessuale aggravata, produzione e diffusione di materiale pedopornografico e adescamento di minori ai danni di 9 minorenni di età compresa, all'epoca dei presunti abusi, fra i 12 e i 13 anni.

"Nel maggio 2018 Trotta è stato condannato in primo grado dal Tribunale di Foggia alla pena di 18 anni di reclusione e 120 mila euro. Attualmente l'ex sacerdote sta scontando in carcere un'altra condanna a 8 anni reclusione per violenza sessuale nei confronti di un 11enne di Pietramontercorvino. Da quella vicenda scaturì poi la seconda indagine che ha portato la magistratura barese a scoprire gli abusi sugli altri minorenni, tutti commessi nel 2014.

Stando alle indagini della Polizia Postale, coordinate dai pm di Bari Simona Filoni e Domenico Minardi, Trotta, ridotto allo stato laicale fin dal 2012 proprio "per gravi crimini contro l'infanzia" ma che continuava a farsi chiamare don Gianni, avrebbe violentato cinque minori affidati alla sua custodia in quanto dirigente e allenatore della squadra di calcio frequentata dai bambini, nella provincia di Foggia, nonché loro docente di lezioni private, dei quali avrebbe abusato nella sua abitazione singolarmente o in gruppo, fotografandoli durante gli atti sessuali. E' stato anche condannato per pornografia minorile e divulgazione di materiale pornografico e adescamento di altri quattro 12enni attraverso le chat di Whatsapp e Facebook.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo aver "ingenerato" nelle vittime "curiosità e una malsana fiducia" spiegano i giudici di Foggia nelle motivazioni della sentenza di primo grado, "Trotta procedeva a una escalation di provocazioni sessuali, fino a giungere al vero e proprio adescamento". "Acquisita la fiducia nella vittima e creata una perversa complicità - prosegue il Tribunale - Trotta soddisfaceva le proprie pulsioni" e "turpi abitudini". Per farlo, l'ex sacerdote aveva "creato una sorta di serbatoio di vittime" delle quali "contribuiva a distorcere la maturità sessuale, ingenerando una insana idea di normalità" attraverso "striscianti e graduali deviazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Palpeggia, solleva e stringe a sè ragazza in via Sabotino. Interviene la polizia. Cittadino denuncia: "Siamo stanchi"

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento