Carabiniere ucciso a Cagnano Varano, don Aniello: "Violenza criminale nei confronti di tutta la comunità"

Il fondatore dell'associazione 'Ultimi' di Scampìa: "Sono stato molte volte sul Gargano a parlare di legalità e criminalità e la sensazione che ho sempre avuto è stata lo stretto nesso di correlazione con la 'ndrangheta calabrese"

Mascione e don Aniello

Non possiamo più parlare di speranza per il futuro ma imprimerci il termine certezza. Certezza di cambiamento. Ancora altre vittime sulla montagna del sole. Ancora dei figli dello Stato che, nell'esercizio del proprio dovere, sono stati strappati dall'amore dei propri cari. Sono anni che l'associazione 'Ultimi contro tutte le mafie' di don Aniello Manganiello di Scampìa - in cui il poliziotto, Pietro Paolo Mascione, riveste il ruolo di vicepresidente nazionale - si impegna senza mezze misure a diffondere il tema della legalità.

"Mi sento costernato" - dice don Aniello - "da tale abbrutimento della società garganica, costretta a subire uno svilimento di valori da parte dei pochi. Oggi lo Stato ha perso perché un tale, già con precedenti penali, si è sentito nella possibilità di aprire il fuoco con la propria arma, detenuta presumibilmente illegalmente, nei confronti  di due servitori dello Stato. È un atto che eviscera in sé violenza criminale nei confronti di tutta una comunità, che adesso è chiamata a chiedersi il perché di tale gesto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questi mesi sono stato molte volte sul Gargano a parlare di legalità e criminalità e la sensazione che ho sempre avuto è stata lo stretto nesso di correlazione con la 'ndrangheta calabrese, in scala ridotta. Interi paesi imbavagliati, con sedi comunali sciolte per infiltrazioni mafiose e bovini che pascolano ovunque, anche nei paesi, indisturbati, quasi a ricordare le sacre vacche della locride. Oggi mi sento ancor più toccato da questo evento perché, sia oggi che durante i miei anni a Scampia, l'Arma dei Carabinieri è stata sempre una dolce compagnia. Oggi in comunione di una triste quotidianità, con il mio vicepresidente Pietro Paolo, ci stringiamo alle famiglie delle vittime promettendo loro immortalità nei prossimi incontri affinché la loro vita non sia stata sacrificata inutilmente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Piero Pelù, rocker innamorato in quarantena a Foggia: "Sono corso da Gianna appena in tempo, in due ci diamo forza"

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento