Dissequestrato cantiere navale a Marina di Lesina, l’avv. Simone Moffa: “Osservate tutte le prescrizioni”

Era stato sequestrato preventivamente fa "per la totale inosservanza delle norme poste a tutela dell'ambiente"

Foto dal profilo FB di Cavallo Cantieri Navali

In merito al sequestro preventivo di un cantiere navale nel quale vengono prodotte barche in metallo avvenuto a Marina di Lesina due mesi fa “per la totale inosservanza delle norme poste a tutela dell’ambiente”, l’avvocato Simone Moffa fa sapere che Il Tribunale di Foggia, sezione per il riesame (presidente dott. Civita, a latere dott.ssa Curci e dott.ssa Perrone), ha accolto l’impugnazione sua e del collega Primiano Caputo, disponendo l’annullamento del decreto di sequestro preventivo e la immediata restituzione dell’immobile alla società, stante la dimostrata infondatezza della ipotesi accusatoria”.

Conclude l’avvocato: “In particolare, abbiamo dimostrato che la Cavallo Cantieri Navali di Lesina ha da sempre puntualmente osservato tutte le rigorosissime prescrizioni previste dalla legge a tutela dell’ambiente, ben comprese quelle relative al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti liquidi”.

In quell’occasione, nel cantiere fu trovato un cittadino di nazionalità bulgaro sul quale pendeva un mandato di arresto europeo emesso nel 2010 dalle competenti Autorità Giudiziarie bulgare con richiesta di estradizione, per una rapina commessa in concorso con un altro uomo, nel 2002.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Checco Zalone ospite da Fiorello, cita Foggia e divide: "Delinquenza e povertà, ma almeno c'è il bidet"

  • Commando paramilitare assalta furgone portavalori sulla Statale 16 bis: dna incastra uno dei rapinatori

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • "La mia ex mi ha tolto dignità e figli": la storia di Luigi, padre separato finito sul lastrico. "Mi sono rivolto alla Caritas"

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento