Strade bloccate e cassonetti incendiati "per paura di una seconda viale Giotto": denunciati. FN: "Forniremo loro aiuto legale"

Si tratta di quattro soggetti che questa mattina hanno bloccato le strade a Borgo Mezzanone in segno di protesta per le pessime condizioni in cui versano le palazzine "gialle" di via Borsellino

La protesta a Borgo Mezzanone

Al seguito della giusta protesta da parte dei residenti di Borgo Mezzanone, "che hanno bloccato la strada principale per difendere il sacrosanto diritto all'incoluimità fisica ed al diritto a vivere in condizioni igieniche decenti, ed in seguito alla denuncia in cui sono incappati quattro cittadini della borgata", Forza Nuova ha deciso di fornire aiuto legale alle persone coinvolte. 

"Questo è uno di quei casi dove legge e giustizia non s'incontrano, non è possibile che la gente oltre a vivere in condizioni inumane debba rispondere davanti alla giustizia, mettendo mani al portafoglio, per aver tentato di scongiurare una tragedia simile a quella di Viale Giotto e nella migliore delle ipotesi ad un rischio di contrarre malattie infettive visto la condizione in cui versano. Solo grazie ai i blocchi stradali di stamattina il quadro a Borgo Mezzanone sembra più chiaro, le palazzine infatti sarebbero amministrate da un istituto di credito a cui spetterebbe la normale manutenzione degli immobili, ci chiediamo a questo punto perchè lo stesso istituto non tuteli i suoi beni e le persone che ci vivono dentro, e ci riserviamo di capire  legalmente se lo stesso istituto sia passibile di essere a sua volta  denunciato per incuria, che se non era pèr l'azione forte dei cittadini della borgata, si rischiava una catastrofe che ad oggi purtroppo non è ancora scongiurata."

Proseguono i forzanovisti: "Fa riflettere la schizofrenica situazione a cui la gente della borgata  è sottoposta, o morire sotto le macerie o prendersi una denuncia per non andare sotto un metro di terra, visto che tutti i tentativi fatti finora sembravano fatti da persone trasparenti ed invisibili, visto che dal prefetto alla Asl passando per i comuni di Manfredonia e Foggia nessuno ha mai indicato il giusto iter per arrivare ad una soluzione, Forza Nuova rivendica di essere stata l'unica forza politica a sostenere i cittadini quando tutti si sono voltati dall'altra parte, Invitando la  stampa locale, a cui va il nostro ringraziamento perchè scevra da pregiudizi politici ha avuto la sensibilità di documentare la pazzesca situazione  della borgata alle porte di Foggia"

Forza Nuova conclude: "Ci chiediamo infine dove sia la politica delle poltrone e del potere, dei salotti e delle consorterie, quella che litiga per le primarie, quella dei cinquestelle, della sinistra e delle liste civiche, affaccendata a raccattare voti, a formare liste, la quale ha però  tradito e massacrato queste persone lasciandole sole al loro destino".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

  • Foggiana rifiutata, milanese "razzista e salviniana" ritratta: "Colpa della menopausa, disposta ad affittarle casa senza cauzione"

  • Neonato morto a Foggia, famiglia chiede 1,7 milioni ai Riuniti. Gli avvocati: "Cause non ascrivibili ai sanitari dell'ospedale"

  • Milanese nega affitto a ragazza foggiana: "Sono razzista e leghista". Salvini : "È una cretina"

  • Maxi rissa a Foggia, paura e sangue in via Bagnante: il bilancio è di sette arresti e due persone in ospedale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento