Truffatori in trasferta tentano il colpo, ma vengono smascherati. Denunciati due foggiani

Si tratta di due uomini di 47 e 36 anni. Hanno cercato di truffare il titolare di una ditta di vendita di natanti, sottoscrivendo una richiesta di finanziamento intestata a una persona residente a Macerata

I Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno denunciato due foggiani TF di 47 anni e DPG di 36 anni, noti alle forze di polizia, per concorso in tentata truffa, sostituzione di persona, uso di documento falso, falsità in scrittura privata.

Le indagini sono state avviate a seguito della denuncia presentata alla Stazione Carabinieri dal titolare di una ditta di vendita e riparazione di natanti e motori marini sita in località Cesano a Senigallia lo scorso 6 agosto.

I carabinieri hanno accertato che il 47enne foggiano, rispondendo sotto falso nome ad una inserzione pubblicata dal venditore sul noto sito internet “subito.it” aveva sottoscritto un contratto di compravendita di un gommone “Brig falcon 500” con relativi motori fuoribordo. In seguito, lo stesso truffatore presentatosi al negozio sempre sotto false generalità, utilizzando una patente di guida contraffatta ed esibendo falsi statini paga, aveva sottoscritto una richiesta di finanziamento con una nota società finanziaria per l’importo di euro 15.900,00.

Per sua sfortuna, l’ignaro truffatore aveva scelto le generalità di una persona residente in provincia di Macerata che in passato aveva chiesto un prestito proprio alla stessa finanziaria. Contattato per alcune conferme dalla finanziaria, l’uomo ha negato agli impiegati di aver sottoscritto ulteriori richieste di prestito disconoscendo la firma apposta sul modulo di richiesta. Subito l’uomo si è presentato ai Carabinieri denunciando l’accaduto ed il probabile tentativo di truffa ai suoi danni. Naturalmente la richiesta di finanziamento è stata bloccata senza avvertire il falso sottoscrittore che aveva lasciato il suo recapito telefonico intestato ad uno straniero.

Ieri mattina, i Carabinieri della Stazione di Senigallia si sono appostati nei pressi della rivendita dei natanti a Cesano ed hanno atteso l’arrivo del truffatore fino ad allora sconosciuto.

All’orario concordato con il venditore il truffatore, sicuro delle sue capacità, si è presentato accompagnato da un complice. I due sono arrivati a bordo di un’Alfa 159 sportwagon grigia. Immediatamente bloccati dai carabinieri, senza opporre resistenza, i due foggiani hanno dichiarato le loro vere generalità. La perquisizione a bordo dell’auto ha consentito di rinvenire il telefono cellulare utilizzato per la trattativa, la patente di guida contraffatta, la tessera sanitaria con codice fiscale ottenuta grazie a false dichiarazioni con le stesse generalità dell’intestatario della patente che riportava la foto del 47enne. Nell’auto i militari hanno rinvenuto anche alcune lettere adesive di colore nero. La strana circostanza ha insospettito i militari che hanno controllato le targhe dell’Alfa rilevando che sia sulla targa anteriore che su quella posteriore una lettera (la F) era stata trasformata in E.

L’auto, “pulita”, era intestata al suocero del 36enne. La truffa del natante è fallita. La patente contraffatta, il telefonino, la tessera sanitaria con il codice fiscale e l’autovettura sono stati sottoposti a sequestro unitamente alla documentazione sottoscritta per richiedere il finanziamento.

Nel corso dell’indagini si è scoperto inoltre che il 47 enne, con le stesse modalità e chiedendo un finanziamento di 57.000 euro, nei giorni scorsi era riuscito a truffare un camper marca Arca, del valore di 45.000 euro, ad un concessionario di Civitanova Marche (MC). Il camper è stato localizzato grazie agli elementi raccolti dai Carabinieri di Senigallia presso un rivenditore di Corato in provincia di Bari e sottoposto a sequestro preventivo da parte dei Carabinieri del luogo. I due foggiani sono stati accompagnati in caserma e denunciati alla Procura della Repubblica di Ancona e Macerata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cerignola: spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si toglie la vita

  • Omicidio nel Foggiano: ucciso 'Fic secc', noto esponente della criminalità garganica

  • Scacco al clan: maxi operazione antimafia di Carabinieri e Cacciatori, 50 arresti (anche a Foggia e Cerignola)

  • Madre urla disperata, bimbo rischia di soffocare con un pezzo di wurstel: autista soccorritore del 118 gli salva la vita

  • Quel piano 'bomba' per uccidere 'Fic Secc': ieri l'omicidio a colpi di fucile dell'erede di Romito, stub e perquisizioni

  • Bomba in vicolo Ciancarella, a Foggia: colpita la friggitoria 'Poseidon', malore per un residente

Torna su
FoggiaToday è in caricamento