Carabinieri aggrediti sul Gargano, in caserma uno dei due aggressori. Si cerca il complice

L'uomo è stato denunciato per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e lesioni gravi. Procedono serrate le ricerche degli uomini dell'Arma per stringere il cerchio attorno all'altro aggressore

Immagine di repertorio

Si è presentato in caserma ammettendo le proprie responsabilità. Si tratta di uno dei due uomini che, ieri mattina, ha aggredito due carabinieri nei pressi dell'Ufficio Postale di San Nicandro Garganico.

L'uomo è stato denunciato per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e lesioni gravi, poichè uno dei due militari ha riportato ferite con prognosi superiore ai 20 giorni. Intanto, procedono serrate le ricerche degli uomini dell'Arma per stringere il cerchio attorno all'altro aggressore. I fatti, lo ricordiamo, sono avvenuti intorno alle 11 di ieri mattina, nei pressi dell'Ufficio Postale di San Nicandro Garganico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, uno dei due marescialli aggrediti (libero dal servizio), avrebbe riconosciuto due soggetti noti nei pressi dell’istituto e avrebbe allertato i colleghi. Una mossa, evidentemente, non gradita dai due che, per tutta risposta, hanno aggredito i militari, che hanno riportato ferite e fratture giudicate guaribili in 20 e 40 giorni (quest'ultima prognosi per via di una frattura scomposta alla clavicola). Ai carabinieri il compito di ricostruire la dinamica dell'accaduto e accertare il movente dell’aggressione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento