Parco degli “Atleti olimpici e azzurri d’Italia”: il degrado è servito. FOTO

Istituzioni hanno permesso che il parco si trasformasse in una vera e propria palude, ma i maggiori responsabili sono i cittadini. Intanto il parco muore, dimenticato alla periferia della città

Parco atleti olimpici e azzurri d'Italia

Era il 15 maggio 2005: Foggia tagliava il nastro inaugurale del parco degli "Atleti olimpici e azzurri d'Italia", in via Monsignor Farina, zona Ordona Sud. Un fiore all'occhiello per la città: una varietà notevole di piante e fiori, distese erbose, aree attrezzate per bambini, piste ciclabili, panchine per sedere all'ombra degli alberi, una splendida fontana al centro dell'immenso parco, tre piazze. Oggi, a distanza di sette anni, molto è cambiato.

L'obiettivo della macchina fotografica immortala uno scenario post-bellico: passeggiare significa fare la gimkana tra erba alta anche un metro; la bella fontana è un ricettacolo di sporcizia, l'acqua limpida di una volta ha lasciato il posto ad un liquame verdastro e maleodorante che ospita rane, rospi, girini, zanzare e insetti di ogni tipo da fare invidia ad un collezionista.

Le panchine ed i giochi per i più piccoli restano un lontano ricordo, completamente distrutti dal passaggio dei vandali; covi di insetti e di vermi, poi, danno la misura di quanto tempo sia passato dall'ultima disinfestazione. Non c'è giorno che passa senza che i residenti segnalino lo stato di degrado e di abbandono in cui riversa l'area. "O forse non fa parte di Foggia questa zona?" si chiede provocatoriamente Max, "Ce lo dicessero, magari chiediamo di annetterci ad Orta Nova e risolviamo il problema".

Sconfortato il presidente della 3 circoscrizione Camporeale-San Lorenzo, Michele Giannetta: "Ieri abbiamo tenuto un incontro sullo stato delle nostre aree verdi, dal parco degli Atleti a Parco San Felice. Siamo tornati a chiedere pulizia e maggiori controlli. Un tempo c'erano, oggi più nulla".

Uno stato di abbandono che dà buon gioco ai vandali di scorazzare indisturbati nella grande distesa verde e distruggere tutto ciò che ha la sfortuna di capitargli sotto tiro. Ma anche di tutti quei foggiani che, purtroppo, ancora oggi, necessitano di un corso accelerato di educazione civica; di tutti quegli amici degli animali che dimenticano, ad esempio (nonostante all'entrata ci sia, a ricordarlo, tanto di cartello), che il cane si porta a spasso con busta e palettina per raccoglierne le deiezioni. O che i resti del pic nic si buttano nei cestini preposti allo scopo, se "differenziati" è meglio.

E' segno di civiltà e rispetto. Senza dimenticare, ovviamente, le responsabilità delle istituzioni, che hanno permesso che un parco, fiore all'occhiello, si trasformasse in una vera e propria palude. Responsabilità diffuse, insomma.

Un anziano scrolla il capo. "E' proprio questo il punto. Perché quando la responsabilità è di tutti finisce che nessuno si senta responsabile". E intanto il parco muore, completamente dimenticato, alla periferia della città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

  • Coronavirus, 8 casi in Puglia ma Capitanata senza vittime né contagi. I positivi scendono a 1222

  • Coronavirus, quattro casi e tre decessi in Puglia. I positivi scendono sotto quota mille. Zero contagi e nessuna vittima in Capitanata

  • Sangue in strada, omicidio a Trinitapoli: 43enne freddato con tre colpi di arma da fuoco

Torna su
FoggiaToday è in caricamento