Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

Sono alcune disposizioni contenute nella circolare ministeriale inoltrata dalla Asl di Foggia ai comuni sulle nuove disposizioni igienico-sanitarie per le salme decedute in casa indipendentemente dalla causa del decesso. Verrà avvolto da un lenzuolo bianco imbevuto di disinfettante

Foto da Milanotoday

Si alza il livello di allerta. In provincia di Foggia la Asl ha inoltrato  alcune disposizioni di una circolare ministeriale avente ad oggetto le nuove disposizioni igienico-sanitarie per le salme decedute in casa. Più stringenti, per ridurre ulteriormente il rischio contagio da Covid-19 Coronavirus.

E' di queste ore la notizia che d'ora in poi se anche in provincia di Foggia un defunto muore in casa sarà vietata la vestizione "per motivi di sicurezza pubblica". 

In caso di decesso nella propria abitazione, i parenti del defunto dovranno dapprima avvisare il medico curante, il medico di continuità assistenziale o il 118 per la constazione di decesso e per la compilazione della scheda Istat.

Solo successivamente l'impresa di pompe funebri, che indipendentemente dalla causa del decesso provvederà a posizionare il corpo del defunto nella bara, avvolgendolo in un lenzuolo imbevuto di disinfettante, così da ridurre al minimo ogni forma di contatto.

E' vietata quindi la vestizione del defunto.

Il personale dell'attività funebre dovrà utilizzare gli adeguati mezzi di protezione per prevenire il rischio contagio con tutti i dispositivi di protezione necessari, riducendo al minimo i paramenti funebri.

Dopo le 15 ore di osservazione, il medico necroscopo che ha il compito di constatare la morte, nel ridurre il periodo di osservazione consentirà la chiusura della cassa e il successivo trasferimento al cimitero del comune di appartenenza senza corteo funebre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In ultimo, per ridurre al massimo qualunque contatto interpersonale, dovrà essere limitato l'accesso ai parenti e ai conoscenti: due per volta e per brevissimo tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Locale sovraffollato, multa e 5 giorni di chiusura dopo 70 giorni di stop forzato. Titolari si scusano: "Situazione ingestibile"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento