Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Posti di blocco e multe per chi proverà a spostarsi. Miglio blinda San Severo a Pasqua e Pasquetta: "Dispiace, ma è doveroso"

Dall'approccio persuasivo si passa a quello repressivo: pugno duro del primo cittadino contro quella fetta di cittadinanza che continua a trasgredire.

 

È finito il tempo degli appelli e dei discorsi persuasivi. Il sindaco Miglio ha deciso di adottare il pugno duro. Lo suggeriscono i dati negativi sui contagi nel comune di San Severo, ma anche l'atteggiamento di quella fetta di popolazione che non si rassegna e continua ad agire in barba ai decreti e alle restrizioni.

Da qui la decisione di far presidiare i varchi di accesso in entrata e uscita nella città di San Severo nella giornate della domenica di Pasqua e del lunedì di Pasquetta: coloro i quali saranno avvistati nei pressi, saranno multati con una sanzione pecuniaria di 400 euro se a piedi, oltre 500 euro se a bordo di un'autovettura: "Sono dispiaciuto di dover adottare questo atteggiamento, ma lo ritengo doveroso nell'interesse esclusivo della salute dei miei cittadini. L'obiettivo è quello di controtendenza, di far sì che che i dati che ci verranno comunicati prossimamente non presentino più il segno +. Per questo mi sento fortemente Impegnato con le forze di polizia, avviare azione sanzionatoria e repressiva", spiega a FoggiaToday il sindaco Francesco Miglio

Il primo cittadino non manca di elogiare quella "fetta di popolazione che si è allineata alle regole e alle prescrizioni date dal governo. Bisogna dare atto di chi si è chiuso in casa e rispetta le regole". Ma c'è chi non se ne cura: "Vi è una fascia refrattaria, anziani e ragazzi che trasgrediscono le regole, recando un pregiudizio alla salute propria e di chi gli sta vicino e rendendo vano lo sforzo di chi sta cercando di restare a casa". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento