Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A San Marco la vita continua, situazione "non è da zona rossa" e sanificazione ovunque. Il sindaco: "Tranquilli ma cautela"

Coronavirus, a San Marco in Lamis parla il sindaco Michele Merla. Avviata la sanificazione di chiese e locali pubblici. Quattro i casi Covid-19 e oltre 70 cittadini in quarantena: "State tranquilli, fate le cose che avete sempre fatto ma con cautela"

 

"Questa cosa della zona rossa francamente non sta in piedi". E' il commento a caldo del sindaco di San Marco in Lamis che questa mattina parteciperà ad un incontro in Prefettura proprio sull'emergenza sanitaria da Covid-19 che ha colpito la città dei due conventi. Quattro i casi accertati, cinque con quello dell'uomo di 74 anni deceduto il 27 febbraio

Oltre settanta le persone sotto osservazione, ma che non presenterebbero sintomi da Coronavirus. Avrebbero segnalato alla Asl e ai medici di base la loro partecipazione ai funerali del defunto che si sono svolti il 3 marzo scorso. "Non c'è allarme, al momento tutte le persone monitorate non hanno sintomi, questo non significa che dobbiamo abbassare la guardia" sottolinea Michele Merla.

Il primo cittadino predica calma e ai cittadini chiede di usare le cautele dettate dalle norme sanitarie. Poi l'appello: "Non c'è nessuna emergenza di carattere epidemico, state tranquilli e fate le cose che avete sempre fatto con cautela, utilizzando le norme sanitarie"

Questa mattina è stata avviata la sanificazione di tutti i luoghi pubblici, chiese comprese. "Non ci sono altri casi che possono allarmare ancora di più la nostra città" chiosa il sindaco. Nel frattempo la Procura di Foggia ha aperto un'inchiesta "conoscitiva".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento