San Marco in Lamis verso la 'zona rossa', si attendono le misure del Prefetto. Emiliano: "Assurdità autorizzare i funerali"

Sul caso di San Marco in Lamis il presidente ha parlato di "una serie di assurdità". E aggiunto che "era stato effettuato anche un tampone per l'autopsia e poi in maniera assolutamente incredibile il cadavere è stato rilasciato per i funerali prima di avere l'esito del tampone"

Nelle prossime a San Marco in Lamis il Prefetto di Foggia potrebbe prendere dei provvedimenti stringenti e restrittivi rispetto alla situazione che si è venuta a creare nella città dei due conventi, dove vi è il rischio di una catena di contagi alimentata da quel "catastrofico errore del medico legale" circa l'autorizzazione rilasciata per lo svolgimento dei funerali del 74enne deceduto il 27 febbraio scorso, ancor prima dell'esito dell'esame del tampone, arrivato poche ore dopo.

Funerali che si sono svolti ieri in Chiesa alla presenza di centinaia di cittadini tra amici, parenti e conoscenti. Michele Emiliano nel corso della conferenza stampa durante la quale ha invitato i genitori della Puglia a non mandare i figli a scuola, in attesa della decisione che spetta al Governo e che sarebbe stata presa proprio in questi minuti, ha esordito dicendo che il Covid-19 "in Puglia si è sostanzialmente diffuso in quasi tutte le province e in alcuni luoghi (Nord della Puglia), ci sono situazioni nelle quali abbiamo persino difficoltà a controllarlo, nel senso che non abbiamo chiuso la catena di contagi e quindi oggi col Prefetto di Foggia, col sindaco di San Marco in Lamis e col Governo, perché ho avvisato anche il presidente del Consiglio, si dovrà prendere una decisione su quello che sta accadendo nel Nord, ma è evidente che l'andamento dell'allargamento del contagio è velocissimo".

Sul caso di San Marco in Lamis il presidente ha parlato di "una serie di assurdità", chiarendo "che Il sistema aveva perfettamente funzionato nel sottoporre l'autopsia in una persona che era deceduta. Era stato effettuato anche un tampone per l'autopsia e poi in maniera assolutamente incredibile il cadavere è stato rilasciato per i funerali prima di avere l'esito del tampone. E' chiaro che di fronte ad un catastrofico errore del medico legale di questo tipo, qui non c'è rimedio".

E ancora, "tutti hanno fatto il loro dovere. Il sindaco, il direttore generale della Asl, gli uffici di prevenzione. Abbiamo addirittura fatto l'autopsia amministrativa che è una cosa in più. Abbiamo fatto il tampone e poi per un motivo veramente inspiegabile il permesso per fare i funerali è stato dato in via anticipata. Questo ha determinato una serie di possibili contagi molto diffusivi che adesso è difficile riepilogare."

Emiliano ha detto di aver informato il presidente del Consiglio, al ministro della Sanità e al ministro Boccia. "Sono d'accordo col Prefetto che servono provvedimenti molto intensi che però non voglio preannunciare perché sono di esclusiva pertinenza del presidente del Consiglio che è informato e può adottarli quando ritiene".

Il presidente della Regione Puglia ha proseguito: "Quando non riusciamo a chiudere la catena dei contagi come abbiamo fatto fino ad oggi, in teoria noi abbiamo una diffusività che parte da San Marco in Lamis che è difficilissima da misurare senza misure estreme, bisogna agire in fretta perché togliere i poteri ai sindaci è certamente una cosa che rende più omogenea la strategia ma il sindaco di San Marco in Lamis in questo momento non può prendere provvedimenti come non li possono prendere i sindaci dei paesi vicini"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E concluso: "La limitazione della mobilità sul territorio è stata riservata totalmente alla competenza della presidenza del Consiglio dei Ministri, quindi c'è una particolarità d'urgenza di intervenire con i seguenti provvedimenti. Ovviamente i sindaci oggi hanno eliminato tutti gli eventi pubblici, il mercato, tutto quello che hanno potuto fare convincendo le persone ma senza poter prendere provvedimenti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Un regalo di nozze agli sposi dalla Regione Puglia: "Se non rimandate il matrimonio all'anno prossimo"

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Straordinario traguardo in Puglia: dal tampone di paziente foggiano isolato e sequenziato genoma di due virus Sars Cov 2

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Paura in un negozio di abbigliamento: titolare reagisce ai banditi armati, ferito alla testa nella colluttazione

Torna su
FoggiaToday è in caricamento