La Coldiretti piange la scomparsa Luigi Rubino, "punto di riferimento per Capitanata"

Anche Giannicola De Leonardis, consigliere regionale del Nuovo Centrodestra, ricorda Rubino, figura simbolo “di un tempo ben diverso dall’attuale, al quale volgere lo sguardo con nostalgia e profonda ammirazione”

Immagine di repertorio

“La gente dei campi” è con queste parole - con le quali Luigi Rubino descriveva la sua gente e il mondo agricolo - che Coldiretti, il presidente Giuseppe De Filippo, il direttore Giorgio Donnini vogliono ricordare uno dei più importanti protagonisti della storia della Capitanata e di Coldiretti.

Prima l’esperienza nella Fuci e nell’Azione cattolica, poi l’impegno come segretario di zona della sezione della Coltivatori diretti a Troia dove era nato e cresciuto. Ma la capacità di guardare lontano, di essere interprete fedele del mondo agricolo lo portarono rapidamente alla guida dell’organizzazione che come direttore ha contribuito a fondare e a guidare dagli inizi degli anni ’50 fino al 1993.

Membro della giunta nazionale di Coldiretti negli anni ’80 con l’allora presidente Arcangelo Lobianco, Luigi Rubino è stato consigliere provinciale nel corso della presidenza dell’avvocato Gabriele Consiglio. Vice presidente del Consorzio di bonifica, furono numerosi e prestigiosi gli incarichi ricoperti grazie a quella conoscenza profonda del territorio. Capace di un dialogo sempre proficuo con le istituzioni e con le altre organizzazioni agricole di Capitanata.

“La Coldiretti perde un punto di riferimento, un uomo che con il suo impegno costante e la sua abnegazione ha contribuito a creare un’organizzazione capillare e radicata nel territorio. Il suo è stato sempre uno sguardo interprete dei bisogni della gente comune, di quella gente dei campi ai quali ha dedicato gran parte della sua esistenza. Tutta la Coldiretti provinciale e periferica si stringe ai figli e ai familiari di Luigi Rubino in questo momento di grande dolore”.

IL CORDOGLIO DI DE LEONARDIS | “E’ stato un protagonista del periodo d’oro dell’agricoltura di Capitanata, della crescita di riferimenti importanti come il Consorzio di Bonifica e la Coldiretti, per citarne solo due. Non solo dirigente esperto e addetto ai lavori autorevole, ma persona carismatica e in grado di coinvolgere e stimolare chiunque, partecipe e appassionato”.

Giannicola De Leonardis, consigliere regionale del Nuovo Centrodestra, ricorda Luigi Rubino, figura simbolo “di un tempo ben diverso dall’attuale, al quale volgere lo sguardo con nostalgia e profonda ammirazione” e “democristiano di lungo corso, sempre pronto a spendersi per la propria comunità e per battaglie sentite come doverose e necessarie”. “Alla sua famiglia e a quanti l’hanno conosciuto e ammirato esprimo le mie sentite condoglianze, e il dolore per una perdita che impoverisce profondamente tutti noi” conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento