Operazione 'Carne No-strana' nel Foggiano, al setaccio 105 macellerie: irregolarità nel 40% dei casi

80 uomini del Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia sono stati impegnati per svolgere controlli nel settore agroalimentare ed in particolare la verifica della tracciabilità ed etichettatura delle carni bovine, suine ed ovi-caprine

Immagine di repertorio

Più di 100 controlli presso le rivendite al dettaglio e la grande distribuzione della provincia per verificare la regolarità nella commercializzazione, etichettatura, tracciabilità e presentazione al consumatore della carne bovina, suina e ovicaprina. Nell’ambito dell’operazione denominata ‘Carne No-Strana’, 80 uomini del Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia sono stati impegnati per svolgere controlli nel settore agroalimentare ed in particolare la verifica della tracciabilità ed etichettatura delle carni bovine, suine ed ovi-caprine.

La provenienza della carne che ogni giorno finisce nelle nostre tavole è di fondamentale importanza e l’unico modo per conoscere luogo di nascita, allevamento e macellazione delle carni esposte in vendita sono le informazioni obbligatorie da dare al consumatore finale che i punti vendita devono esporre nell’apposita etichetta rispettando la normativa Europea e nazionale (Reg. CE n. 1760/2000, D.M. 876, L. 109/92).

Durante l’operazione, svolta nei principali centri della provincia (Foggia, San Severo, Lucera, Cerignola, San Giovanni e Manfredonia), sono state controllate 105 macellerie riscontrando irregolarità nel 40% dei casi che ha portato ad elevare n. 35 sanzioni amministrative per un importo di 65.000 euro complessivi e al sequestro di circa 20 Kg di carne.

Tra le infrazioni più frequenti la mancata esposizione delle indicazioni obbligatorie relative alla provenienza delle carni bovine, la mancanza di sistemi di tracciabilità dei prodotti esposti in vendita, omissioni e/o indicazioni errate nelle etichettature. Frequente la dicitura di carne di “vitello” quando invece si trattava di carne di “bovino adulto”.

Nell’ambito dell’operazione è stato scoperto anche un giro di macellazione clandestina che ha portato al sequestro e distruzione di diverse carcasse di ovicaprini macellati e n. 15 capi di agnello sprovvisti di marchio di tracciabilità pronti per la macellazione, denunciata n. 1 persone alla Procura della Repubblica. Con l'operazione ‘Carne No-Strana’ prosegue la capillare e incisiva azione di controllo del Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia nell'ambito della sicurezza agroalimentare.

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento