“50mila euro o ci prendiamo il bar”: condannati i fratelli Francavilla

Ciro e Giuseppe Francavilla, insieme a Giuseppe Scarpiello e Ciro Caione, furono arrestati con l’accusa di aver tentato di estorcere denaro al titolare di un bar in via d’apertura

Immagine di repertorio

Ciro Francavilla e il fratello Giuseppe sono stati condannati rispettivamente a sei anni e otto mesi e sei anni e dieci mesi nel processo che vedeva gli imputati colpevoli di aver chiesto 50mila al titolare di un bar di nuova apertura a Foggia, da pagare in tre tranche, sotto la minaccia di ritorsioni qualora non avesse acconsentito alla richiesta: "50mila euro o ci prendiamo il bar".

Il gestore dell’attività – appena 35enne - non si era lasciato intimidire e aveva raccontato tutto alla polizia. Le indagini, il 9 luglio 2014, avevano portato all’arresto di quattro persone, tra cui Giuseppe Scarpiello, il 57enne detto ‘Bruno’, condannato a quattro anni e due mesi, e Ciro Caione di anni 35 e già giudicata. I tre sono stati condannati a pene superiori rispetto a quelle chieste dal pubblico ministero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Checco Zalone ospite da Fiorello, cita Foggia e divide: "Delinquenza e povertà, ma almeno c'è il bidet"

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

  • Da cinque anni alimentava casa e ristorante con l'elettricità rubata all'Enel: furto da 85mila euro

Torna su
FoggiaToday è in caricamento