Gargano: a rischio il trasporto verso i centri di riabilitazione motoria

Il sindaco di Rodi Garganico ha sollecitato un incontro urgente al presidente della Fondazione Centri di Riabilitazione "Padre Pio" al fine di definire questa incresciosa situazione

Un accorato appello apparso nei social network. È così che chi condivide ogni giorno il dramma dei più deboli fino a renderlo proprio, ha deciso di denunciare all'opinione pubblica la paventata soppressione nel circondario garganico del servizio di trasporto dei soggetti con difficoltà motoria verso i presidi riabilitativi ambulatoriali della Fondazione "Padre Pio".

Servizio fornito sinora a titolo completamente gratuito, per consentire ai pazienti di prendere parte ai trattamenti loro indispensabili, ma che verrà sospeso a partire dal prossimo 1 Novembre al fine del contenimento dei costi ed in quanto non inserito tra quelli ritenuti essenziali secondo la convenzione in essere tra la Regione Puglia e la stessa Fondazione "Padre Pio", che precisa di essersi fatta carico sinora del servizio pur non essendo a tanto obbligata.

A meno di un'inversione di rotta, quindi, ancora qualche giorno e tutti gli assistiti si vedranno costretti a raggiungere le numerose strutture presenti nel territorio garganico con mezzi propri e l'aiuto dei relativi accompagnatori, aggravando così ulteriormente gli oneri a carico di anziani, bambini e diversamente abili, ovvero di quei soggetti che già per loro natura sono svantaggiati e quindi maggiormente bisognosi di attenzione dal punto di vista socio-economico. A rischio anche il posto di lavoro dei circa 20 autisti - tutti lavoratori autonomi - che hanno finora assicurato il servizio di trasporto e che adesso con molta probabilità saranno costretti a cessare l'attività.

Il tam tam mediatico però non ha tardato a portare i primi risultati, considerato che già da qualche giorno il sindaco di Rodi Garganico, dott. Nicola Pinto, consultati gli altri Sindaci garganici ed in particolare quelli di Cagnano Varano, Ischitella, Peschici, Vico del Gargano e Vieste, ha sollecitato un incontro urgente al presidente della Fondazione Centri di Riabilitazione "Padre Pio" al fine di definire questa incresciosa situazione.

Nell'attesa che le istituzioni svolgano il loro compito, l'augurio è che in questo momento di particolare difficoltà, tutti gli interessati siano capaci di mettere assieme ogni risorsa disponibile, al fine di non recare ulteriore disagio ai più deboli, avendo ben presente che per molti di loro la navetta è l'unico mezzo comodo e sicuro per potersi permettere un'ora di fisioterapia al giorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale, auto esce fuori strada e si schianta contro un albero: muore 44enne

  • Tenta il suicidio, sospeso nel vuoto tra il balcone e l'asfalto perde i sensi: figlio, vicino, carabinieri e 115 gli salvano la vita

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Grave incidente stradale in A14: sei feriti in tre tamponamenti, grave un uomo di Manfredonia

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Aggredita dai vicini per una colonia felina, finisce in ospedale volontaria animalista: "Colpita in faccia con un portachiavi appuntito"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento