Cattedrale aperta a ferragosto: entro due mesi sarà riconsegnata ai fedeli

I lavori di restauro sono ormai giunti al termine e il cantiere è stato smontato. Una prima temporanea apertura dal 13 al 15 agosto per i festeggiamenti in onore della Madonna dei Sette Veli.

Cattedrale di Foggia


RIAPRE LA CATTEDRALE. Dopo quasi 7 anni la Cattedrale si riapre al culto foggiano. Certo, temporaneamente. Solo per tre giorni, annuncia la Curia, dal 13 al 15 agosto, in occasione dei festeggiamenti in onore della Madonna dei Sette Veli. E ad orari prestabiliti (dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 20.00). Ma la restituzione definitiva della basilica alla comunità foggiana è ormai in dirittura d’arrivo. I delicati (e lunghissimi) lavori di restauro sono stati ormai completati, il cantiere smontato. Ancora due mesi di pazienza.  Rassicura i fedeli l’arcivescovo della diocesi di Foggia –Bovino, monsignor Francesco Pio Tamburrino, che la visiterà in compagnia delle autorità locali lunedì a mezzogiorno: “Sono lieto che venga offerta l’occasione, in anteprima di vedere l’intenso e qualificato lavoro di restauro della nostra Cattedrale – dichiara Tamburrino- Nel giro di un paio di mesi, necessari per completare il restauro dell’area absidale, ritorneremo in modo definitivo nella casa del Signore, che è anche casa nostra”. Ma già dal mese di ottobre si svolgeranno numerosi eventi culturali che conferiranno il giusto risalto a questo momento tanto atteso dalla città. Per ora bisognerà ancora accontentarsi. Il programma liturgico della Festa dell’Assunta, con la presenza dell’Iconavetere, si svolgerà, infatti, così come è stato negli ultimi anni, presso la parrocchia dei compatroni, i Santi Guglielmo e Pellegrino. Ed anche la Celebrazione Eucaristica non si terrà, ancora, in Cattedrale.

IL RESTAURO, UNA STORIA INFINITA. E certo che i 7 lunghi anni hanno rischiato di divorare per davvero e mandare al macero il sacro tempio  eretto nel 1172, rimaneggiato nel ‘600 e che Federico II modificò in parte. Vuoi perché qualcosa non è andò per il verso giusto nella prima fase dei lavori, vuoi per difficoltà a reperire i fondi necessari al restauro del duomo foggiano. Così spiegò Nazareno Gabrielli, dirigente dell’ufficio tecnico della curia, unico autorizzato a parlare. Chiusa nell’ottobre 2005, quando, nel corso di una celebrazione dal soffitto piovvero calcinacci, i primi interventi lasciarono emergere infatti nel 2008 una situazione paradossale: le condizioni del duomo erano peggiorate. Il tetto era rimasto scoperto, l’acqua piovana era filtrata all’interno, i piccioni vi avevano bivaccato. Preoccupava soprattutto la lanterna, risultata completamente fradicia. Dalla cripta l’umidità rischiava di mangiare pareti, arredi, di compromettere le pitture. Un secondo sopralluogo aveva lasciato emergere condizioni strutturali peggiori di quelle che portarono due anni prima alla chiusura. Per l’Arcidiocesi erano necessari 13 milioni. Si chiamarono “a rapporto” gli enti locali. Si pensò addirittura ad una petizione popolare da promuovere attraverso il Fondo per l’ambiente Italiano. L’amministrazione Ciliberti lanciò l’idea di una tassa di scopo. Poi il silenzio.

Bisognerà aspettare il novembre 2010 per vedere qualcosa muoversi. Al capezzale della Cattedrale arriva l’ingegnere Pippo Cavaliere, tutt’oggi responsabile del procedimento. Nuovi finanziamenti. Nuovo appalto. Le imprese Crea di Forlì e Lorenzoni Restauri di Polignano vincono la gara bandita dal ministero. Nuovo termine dei lavori: aprile 2012. Cavaliere rispetta la tabella di marcia. Costo dell’intervento 4milioni di euro: 3 recuperati dal sindaco di Foggia, Gianni Mongelli che aveva inserito il progetto nella programmazione di Area Vasta, 1milione stanziato dal ministero. Si interviene su tetto, lanterna, volte, sul consolidamento statico della struttura. Quindi, 2 mesi fa, altri 500mila euro vengono destinati a pareti ed altari, compromessi dall’umidità. Nell’aprile scorso l’ultimo sopralluogo. Oggi la riapertura temporanea del duomo ai fedeli. E vien da chiedersi, va da sé: sarà davvero finita?

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Alla scoperta dell'incantevole Lago di Lesina, il secondo più vasto dell'Italia meridionale

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato sulla SP 66: le telecamere riprendono la vittima mentre riempie la tanica di benzina con cui si è data fuoco

  • Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

  • Incidente mortale, scontro tra scooter e volante della polizia: muore portapizze. I testimoni: "Botto fortissimo"

  • Il mare della Puglia è il terzo più bello d'Italia: quello di Vieste, Mattinata, Tremiti e Monte premiato con 4 vele

  • Franco Landella è di nuovo sindaco di Foggia

  • Macabro ritrovamento lungo la Provinciale 66: auto in fiamme, dentro c'è un cadavere

Torna su
FoggiaToday è in caricamento