Rodi Garganico: sequestrato immobile a imprenditore vicino al clan Casalesi

I beni, del valore di circa 500mila euro, erano nella disponibilità della figlia 33enne e rientravano nel patrimonio della di una ditta di costruzioni con sede a Napoli

Polizia Anticrimine

L’ulteriore conferma degli affari dei Casalesi sul Gargano è arrivata oggi con il blitz degli agenti della sezione accertamenti patrimoniali della divisione Polizia Anticrimine della questura di Caserta.

A Rodi Garganico è stato infatti sequestrato un appartamento con area parcheggio a un imprenditore 58enne originario di San Cipriano D’Aversa, ritenuto dagli inquirenti vicino al clan campano.

I beni, del valore di circa 500mila euro, erano nella disponibilità della figlia 33enne e rientravano nel patrimonio di una ditta di costruzioni con sede a Napoli di cui la ragazza e il padre possiedono la titolarità delle quote.

Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e rappresenta la prosecuzione delle indagini a carico dell’uomo effettuate dopo il maxisequestro del 20 dicembre scorso, quando la polizia appose i sigilli a beni per un valore di 50 milioni di euro riconducibili non solo al 58enne, ma anche ai suoi soci.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Blitz anticrimine nel Foggiano: pioggia di arresti dalle prime luci dell'alba, 180 carabinieri alla ricerca di armi e droga

  • Shock a Milano, foggiana rifiutata da una "salviniana razzista" "Non ti affitto casa perché sei del Sud" (Audio)

  • Foggiana rifiutata, milanese "razzista e salviniana" ritratta: "Colpa della menopausa, disposta ad affittarle casa senza cauzione"

  • Folle fuga in A14: foggiano su un'auto rubata forza posto di blocco, sfonda casello e poi si schianta contro un muretto

  • Milanese nega affitto a ragazza foggiana: "Sono razzista e leghista". Salvini : "È una cretina"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento