Polizia intercetta auto 'killer' con dentro 11 braccianti ammassati: pericolosa fuga e inseguimento

Controlli serrati contro il fenomeno del caporalato: il mezzo è stato individuato sulla Sp13. Il conducente ha eluso il controllo fuggendo a tutta velocità. L'auto è stata abbandonata nei pressi di una masseria, mentre gli undici braccianti si sono dati alla fuga

Il mezzo sequestrato

Proseguono le operazioni della Polizia di contrasto al fenomeno del caporalato e dello sfruttamento del lavoro nero. Nel pomeriggio di ieri, sulla strada provinciale 13 all’incrocio con la SP 118, località Palmori agro di Lucera, durante un servizio di controllo del territorio, gli agenti del Commissariato di Lucera e del Reparto Prevenzione Crimine hanno incrociato un’autovettura Opel Vectra di colore bianco con targa bulgara. Il mezzo era condotto da un uomo di colore e trasportava diverse persone.

Non appena i Poliziotti hanno segnalato il mezzo tramite gli apparecchi, sia sonori che visivi per procedere al controllo, il conducente della Opel ha accelerato, cominciando a zigzagare sulla carreggiata allo scopo di alzare un polverone e rendere più difficile l’inseguimento, e costringendo gli uomini in divisa a rallentare la propria corsa. 

La fuga del veicolo è terminata dopo circa un chilometro, quando il mezzo è stato abbandonato nei pressi di una masseria. Gli occupanti, 11 persone di colore, si sono immediatamente dati alla fuga dileguandosi dalla parte posteriore dell’edificio attraverso nei campi.

Il mezzo è stato sequestrato: oltre a essere sprovvisto di copertura assicurativa, era utilizzato per commettere intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento