Una catena umana per i commercianti, una notte bianca contro le bombe

Foggia propositiva, gruppo del fondatore Roberto Parisi, lancia le due iniziative partorite dai circa tremila iscritti del gruppo per scuotere i foggiani

Immagine di repertorio

Una catena umana, centinaia di persone che si tengono per mano, una barriera visibile per difendere i commercianti e quanti sono nel mirino della criminalità, un gesto simbolico che deve spingere i foggiani a restare uniti. Dai social network parte un segnale forte e determinato su cosa possa fare la società civile per combattere e vincere la paura , ma anche l’omertà e l’indifferenza dopo l’escalation di ordigni fatti esplodere dinanzi ad attività commerciali di Foggia.

Dal gruppo ‘Foggia propositiva’, che conta circa tremila iscritti, emergono testimonianze di solidarietà alle vittime degli attentati ma anche idee per far comprendere che è il momento di lanciare segnali. Foggia propositiva invita le organizzazioni di categoria dei commercianti e le varie istituzioni sul territorio a far proprie due possibili idee per coinvolgere i cittadini.

“La prima proposta lanciata sul gruppo di Facebook, spiega il fondatore di Foggia propositiva Roberto Parisi, è un invito a partecipare ad una notte bianca diversa dal solito. Negozi aperti e vetrine illuminate il sabato (potrebbe essere prima o dopo la festività dell’Immacolata) fino all’alba, affinché la luce e le attività dei commercianti annientino il buio e il silenzio della notte rotto dalle esplosioni di ordigni. Altra idea lanciata sul web è quella di invitare associazioni, scuole e istituzioni a realizzare una catena umana, una barriera di cittadini che si tengono per mano davanti ai negozi in più punti, magari quelli più critici, della città, per non far sentire soli i commercianti”. Due idee che rientrano nel spirito operativo di Foggia propositiva che sarà a disposizione per mettere in atto qualunque iniziativa diretta a restituire fiducia e speranza alla nostra comunità.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento