San Severo, bomba contro abitazione commerciante: paura in Viale Due Giugno

E' accaduto poco dopo l'una: l'esplosione ha distrutto l'ingresso dell'abitazione e infranto i cristalli di alcune automobili parcheggiate in strada. Sul posto, vigili del fuoco e polizia

L'ingresso distrutto dalla bomba

Paura nella notte, a San Severo dove, la scorsa notte, un ordigno rudimentale è stato fatto esplodere contro l’abitazione di un commerciante di 40 anni, titolare di una rivendita di videogiochi.

L’attentato dinamitardo è avvenuto poco dopo l’una: la deflagrazione ha distrutto l’ingresso dell’abitazione, al civico 475 di viale Due Giugno, a due passi dal Liceo Scientifico “Checchia Rispoli”. Divelto il portone d’ingresso dell’abitazione, la potenza dell’ordigno ha infranto anche i cristalli di alcune automobili parcheggiate in strada. Sul posto, una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di San Severo e gli agenti del commissariato cittadino incaricati dei rilievi e delle indagini del caso. Alla polizia, il commerciante ha dichiarato di non aver mai ricevuto minacce o richieste estorsive.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento