Occultavano beni al Fisco, Guardia di Finanza sequestra beni per 1,5 milioni di euro

Posti sotto sequestro 17 immobili, 20 autoveicoli e 4 cavalli da corsa, sequestrati per reati tributari e in applicazione della normativa antimafia. I blitz dei finanzieri a Cerignola e a San Severo

Un'immagine delle operazioni della GdF

Due distinte operazioni dei finanzieri del comando provinciale di Foggia hanno portato al sequestro di beni, per un valore complessivo di circa  1,5 milioni di euro. La prima, eseguita dai militari della Tenenza di Cerignola, è scaturita da reati tributari accertati nel corso di cinque verifiche fiscali svolte nei confronti di aziende riconducibili a C.M. di anni 32, originario di Cerignola, conclusesi con la constatazione di ricavi occultati al fisco per oltre 5 milioni di euro.

In particolare, l’indagato, titolare di aziende operanti nei settori del commercio di autoveicoli provenienti da paesi UE e di quello di parti di ricambi per autocarri, aveva posto in essere una c.d. “frode carosello” attraverso la costituzione di società di comodo intestate a 3 prestanome.

Il provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca - emesso dal GIP su richiesta della locale Procura della Repubblica - ha riguardato 5 fabbricati, 1 box, 5 terreni agricoli e 20 autoveicoli, per un valore stimato di oltre un milione di euro.

SEQUESTRO BENI GDF: IL VIDEO

La seconda operazione è stata eseguita dai militari della compagnia di San Severo nei confronti di R.M., sanseverese di 54 anni, già condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso, il cui patrimonio è risultato sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati.

In particolare, i finanzieri hanno ricostruito il patrimonio riconducibile alla effettiva disponibilità del pregiudicato, accertando che una parte dei beni posseduti erano stati “schermati” attraverso l’intestazione a prestanome, in modo da impedire l’applicazione delle misure patrimoniali previste dalla normativa antimafia.

Sulla base degli elementi acquisiti dai verificatori, il GIP presso il Tribunale di Foggia, condividendo la proposta avanzata dalla locale Procura della Repubblica, ha disposto il sequestro di 6 beni immobili (tre abitazioni e tre garage) per un valore di circa 400 mila euro. Durante l’operazione sono stati scoperti anche 4 cavalli da corsa, di cui 3 iscritti all’UNIRE, tutti sottoposti a sequestro.

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento