Barca a vela incagliata all'ingresso del porto di Vieste: soccorsi i tre a bordo

Le condizioni meteomarine non hanno aggravato la situazione che altrimenti poteva diventare molto pericolosa. Un mezzo nautico privato ha liberato l’unità dall’incaglio mentre la Guardia Costiera ha sovrinteso alle manovre

Le attività di soccorso

Può capitare, anche quando il traguardo sembra raggiunto, che una condizione ritenuta normale, tranquilla, vissuta più e più volte senza alcun problema riservi delle inaspettate e spiacevoli sorprese.

E' quello che è accaduto questa mattina intorno alle 6:00, sul Gargano, dove una imbarcazione a vela di 14 metri, in ingresso nel porto di Vieste, è stata fermata dal fondale; il bulbo della deriva - che questo genere di unità ha come elemento fondamentale della struttura nautica, con compiti di zavorra ed equilibrio facendo aumentare notevolmente il pescaggio dell’unità - l’ha incagliata al fondale sabbioso dell’avamporto di Vieste.

Le condizioni meteomarine ottime non hanno aggravato la situazione che altrimenti poteva diventare molto pericolosa per le tre persone a bordo e per quelle intervenute in soccorso. Un mezzo nautico privato ha liberato l’unità dall’incaglio. Gli uomini di questa Guardia Costiera imbarcati sulla motovedetta SAR CP880, allertati dal personale di questa Sala Operativa, hanno assistito da vicino alle manovre, pronti a intervenire qualora ce ne fosse stato bisogno. Il disincaglio è avvenuto in tempi brevi, l’imbarcazione a vela non ha riportato danni e ha raggiunto l’ormeggio in porto autonomamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al riguardo, la Guardia Costiera ricorda le disposizioni dell’Ordinanza n° 10/2013, datata 8 maggio 2013, con successive integrazioni (24/2013 e 46/2014), nello specifico all’articolo 2, regola l’ingresso e l’uscita dal porto di Vieste a tutte le unità navali stabilendo l’interdizione all’entrata alle unità con pescaggio uguale o maggiore di 2,5 metri e a quelle con pescaggio compreso tra 1 e 2,5 metri di contattare questa Sala Operativa almeno 500 metri prima dell’imboccatura, avere in funzione adeguati sistemi di ecoscandaglio e andatura minima. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Coronavirus, quattro casi e tre decessi in Puglia. I positivi scendono sotto quota mille. Zero contagi e nessuna vittima in Capitanata

  • Sangue in strada, omicidio a Trinitapoli: 43enne freddato con tre colpi di arma da fuoco

  • Ingerisce una sostanza nociva, errore fatale a Monte Sant'Angelo: Donato Ciuffreda non ce l'ha fatta. "Un ragazzo buono"

  • Coronavirus: due casi in provincia di Foggia, solo quattro in tutta la Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento