Bando di concorso per 31 posti, l’avv. Gabrieli: “Illegittimo e riservato ai soli prescelti”

L'avv. Antonio Gabrieli commenta il bando di concorso indetto dalla provincia di Foggia: "Un concorso "riservato" palesemente illegittimo e contrario alla legge. Un concorso che dev'essere aperto a tutti"

La provincia di Foggia

L’avvocato Antonio Garbieli sottopone all’attenzione dell’opinione pubblica “l'assurdità del concorso per 31 posti bandito dalla Provincia di Foggia (pubblicato nella G.U. n. 47 del 17.06.2014), al fine di arginare la violazione del diritto che sta per essere perpetrata. Il bando in questione, infatti, è connotato da palese illegittimità. E' un bando pubblico occultamente, arbitrariamente ed illegittimamente trasformato in concorso "riservato" afferma.

L’avv. Antonio Gabrieli: “Nella realtà dei fatti, invece, è  diritto di tutti i cittadini della Capitanata (e non solo) potervi partecipare. La condotta dell'Amministrazione Provinciale, per giunta "commissariata",  si appalesa ancor di più incomprensibile, atteso il momento storico che colpisce i nostri concittadini. L'attuale  profonda crisi economica, aggravata da un aumento costante e drammatico della disoccupazione, rende l'operato dell'Amministrazione Provinciale di Foggia ancor più inconcepibile e inaccettabile.

Il concorso indetto dalla Provincia di Foggia merita di essere aperto a tutti i cittadini e non può accettarsi che sia arbitrariamente "riservato" ai soliti "prescelti". L'Amministrazione dei beni pubblici, ivi compresa la gestione dei posti di lavoro, deve avvenire nell'interesse della collettività e dev'essere accessibile a ogni

cittadino.

E' inaccettabile, dunque, che l'Amministrazione Provinciale di Foggia abbia indetto un concorso pubblico per 31 posti, elaborando un bando con l'intento di selezionare "a priori" i futuri vincitori del concorso. Il Concorso in questione merita di essere aperto a tutta la Cittadinanza. L'assurdità del bando, per giunta, rischia di produrre effetti disastrosi per le casse dell'Amministrazione e, dunque, per tutti i contribuenti. Diversi concittadini, infatti, si sono già rivolti  al sottoscritto per impugnare il bando in questione, al fine di garantirsi ciò che l'Amministrazione vorrebbe negare loro: il diritto alle pari opportunità, alla speranza e a poter lavorare!

Data la manifesta illegittimità del bando, il ricorso produrrà inevitabilmente anche un aggravio di spese in capo all'Amministrazione e, dunque, ai contribuenti. Ragion per cui, se il bando non dovesse essere revocato in autotutela, questa volta non si accetterà semplicemente una "vittoria giudiziaria", ma ci si spingerà sino a chiedere un intervento della Corte dei Conti e non è esclusa la possibilità di far interessare la Procura, al fine di indagare sulle ragioni che hanno portato l'Amministrazione Provinciale ad indire un simile bando di concorso, escludendo i propri Cittadini ovvero escludendo quella stessa popolazione che, invece, avrebbe il dovere di tutelare.

Le illegittimità del bando sono molteplici e di tutta evidenza. Il bando in questione  prevede, in violazione di legge, un illegittimo requisito di partecipazione, volto a sostanziarsi come un vero e proprio "sbarramento". Per poter partecipare, infatti,  viene richiesto l'ulteriore requisito di "una pregressa esperienza lavorativa di 24 mesi" che in alcun modo è legittimata dal profilo messo a concorso e che, in ogni caso, va contro la legge e che già in passato è stata più volte contrastata dalla copiosa Giurisprudenza Amministrativa.

L'Amministrazione, dunque, pone uno "sbarramento" per selezionare "a priori" i partecipanti. Come se non bastasse, il predetto bando ha una tempistica che induce a riflettere: Il bando uscito il 17 giugno 2014 prevedendo che le domande debbano pervenire ( e non solo essere spedite!) all'Amministrazione  entro e non oltre il 27 p.v.. Considerando le giornate di sabato e di domenica, la durata del bando si restringe ad appena una settimana lavorativa.

Si badi, che se un nostro concittadino si trovasse  fuori Città, dovrebbe immediatamente prendere l'aereo per poter concorrere, perché se  decidesse di affidare la propria candidatura al servizio postale, risulterebbe escluso in quanto la sua domanda giungerebbe, con altissima probabilità,  in ritardo.  Ancora, la valutazione dei titoli si appalesa oltremodo ingiustificata e sproporzionata, volendo privilegiare e "super valutare" esclusivamente alcune pregresse esperienze lavorative in   danno di altre.

Si prevede, a titolo di esempio, una "super valutazione" del servizio lavorativo prestato presso il sistema museale provinciale, come se un analogo servizio svolto da un Cittadino Foggiano alle dipendenze del Museo Capitolino non meritasse pari "valutazione". Insomma, il sospetto è che si sia indetto un concorso  riservato, camuffandolo da concorso pubblico e si sia voluto fare "tutto in fretta", in periodo estivo, al fine di servire, per l'ennesima volta, alla Cittadinanza un "piatto già pronto".  

BANDO DI CONCORSO: GLI ALLEGATI

PROVINCIA DI FOGGIA: IL BANDO

Si ritiene, ad avviso dello scrivente, che a tutti i cittadini si debba garantire il diritto di potervi partecipare  ed è per questa ragione che, se l'Amministrazione Provinciale non revocherà il predetto bando, lo stesso sarà impugnato nelle opportune sedi e verranno interessate tutte le Autorità competenti, affinché si faccia completa luce sulla vicenda. Nel caso dovessero derivarne danni, gli stessi dovranno essere risarciti dai diretti responsabili.  

A coloro i quali fossero interessati ai posti messi a concorso (destinati, probabilmente, a futuri interventi di stabilizzazione) si rivolge l'invito di non demordere e di far valere anche in giudizio i propri diritti perché la Giustizia è dalla loro parte. Tutti i Cittadini, infatti, hanno diritto di sperare. Tutti i cittadini hanno diritto di concorrere per questi posti di lavoro. Tutti i Cittadini, se danneggiati dalla negazione di un loro diritto, meritano di essere risarciti e reintegrati nelle loro prerogative".

Allegati

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento