Accusato di violenza sessuale e lesioni, l'incubo finisce in Tribunale: "Assolto perché il fatto non sussiste"

Queste le parole pronunciate dal Collegio della II Sezione Penale del Tribunale di Foggia all'esito del procedimento in corso nei confronti di un cittadino polacco di 59 anni, arrestato dalla polizia il 2 giugno 2017

Immagine di repertorio

"Assolto perchè il fatto non sussiste". Queste le parole pronunciate dal Collegio della II Sezione Penale del Tribunale di Foggia all'esito del procedimento in corso nei confronti di Miialosky Zazislaw, cittadino polacco accusato di violenza sessuale e di lesioni personali con aggravanti.

Lo comunica il difensore dell'uomo, l'avvocato Rita Bruno, che precisa: "Il mio assistito è stato assolto 'perchè il fatto non sussiste' dall'accusa di violenza sessuale,  e 'per non aver commesso il fatto' dall'accusa di lesioni personali con aggravanti". I fatti risalgono al 2 giugno di due anni fa, quando l'uomo fu arrestato dalla polizia. Secondo l'accusa, il 59enne aveva tentato un approccio sessuale con la fidanzata di un connazionale, con il quale vi era stata poi una violenta lite. Il verdetto dei giudici, però, ha ribaltato tutta la ricostruzione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento