Foggia, minaccia impiegata con un coltello e si fa consegnare 150 euro: arrestata

La donna ha fatto irruzione nella sede di un'associazione di contribuenti minacciando con un coltello l'impiegata. La complice è riuscita a darsi alla fuga

La 43enne arrestata

I carabinieri di Foggia hanno arrestato Ahmetovic Munira, 43enne di origini slave, domiciliata presso il campo nomadi di Bari e già nota alle forze di polizia per essersi resa responsabile in passato di reati contro il patrimonio. La donna, insieme ad un’altra complice, ha fatto irruzione nella sede di un’associazione di contribuenti minacciando con un coltello l’impiegata e chiedendole di consegnarle il contenuto della cassa, circa 150 euro.

Le rapinatrici hanno agito a viso scoperto consentendo ai militari dell’Arma di rintracciare dopo poche ore, nelle vicinanze del luogo della rapina, una delle due malviventi. Il denaro ed il coltello utilizzato non erano nelle disponibilità della 43enne ed è pertanto plausibile che a custodirli fosse la complice, che però è riuscita a darsi alla fuga.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento