Apricena: sfugge ai carabinieri, inseguito e arrestato sorvegliato speciale

La patente gli era stata revocata a seguito dell'irrogazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno. Sorpreso dai carabinieri ha eluso l'alt e ha tentato invano la fuga

I carabinieri della Compagnia di San Severo hanno tratto in arresto in flagranza di reato per violazione delle prescrizioni della  sorveglianza speciale F.V., classe 1974, pregiudicato.

I Carabinieri hanno bloccato ed identificato l’uomo, già a loro noto, mentre circolava liberamente a bordo della sua Mercedes per Apricena, pur avendo la patente revocata a seguito dell’irrogazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno.

A sorprenderlo scorazzare indisturbato per la cittadina è stata una pattuglia della Stazione della “città della pietra” nell’ambito di un servizio perlustrativo di controllo del territorio. Avendolo immediatamente riconosciuto, i militari gli hanno intimato l’alt, ma il pregiudicato, senza alcuna esitazione, ha accelerato tentando invano la fuga.

Ne è scaturito un breve inseguimento al termine del quale i carabinieri sono riusciti a bloccare l’auto, arrestando in flagranza di reato.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta il suicidio, sospeso nel vuoto tra il balcone e l'asfalto perde i sensi: figlio, vicino, carabinieri e 115 gli salvano la vita

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Assalto armato a un portavalori: paura e fuga, ritrovata la Jeep dei banditi e una targa clonata intestata a un'auto del Foggiano

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

Torna su
FoggiaToday è in caricamento