Incastrato dalle telecamere mentre appicca il fuoco ad un'auto, in casa nascondeva tre 'bombe'

Per questi motivi, i carabinieri hanno arrestato Michele Coco, 51enne di San Marco in Lamis, ritenuto responsabile di danneggiamento seguito da incendio e fabbricazione e detenzione di materiale esplodente

Parte del materiale sequestrato

Le telecamere lo incastrano mentre appicca il fuoco ad un’auto in sosta; poi i carabinieri gli trovano in casa tre ordigni esplosivi artigianali e svariato materiale incendiario ed esplosivo. Per questi motivi, i carabinieri della compagnia di San Giovanni Rotondo hanno arrestato Michele Coco, 51enne di San Marco in Lamis, ritenuto responsabile di danneggiamento seguito da incendio e fabbricazione e detenzione di materiale esplodente.

L’uomo è stato identificato dai carabinieri attraverso la visione delle telecamere per la videosorveglianza cittadine, le cui immagini sono state acquisite dopo l’incendio di due autovetture (una delle quali andata completamente distrutta) avvenuto all’alba dello scorso 20 febbraio, a San Marco in Lamis.

INCENDIA AUTO: LE IMMAGINI VIDEO

I filmati non lasciano spazio a dubbi: l’uomo è stato immortalato mentre, a spasso con il suo cane, si avvicina all’auto da colpire, infrange il lunotto posteriore e si allontana. Dopo pochi minuti, lo stesso lancia all’interno dell’abitacolo un “raudo” che ha innescato l’incendio, danneggiando anche una secondo autovettura.

I militari hanno immediatamente rintracciato il sospettato nella sua abitazione, all’interno della quale sono stati recuperati e sequestrati tre ordigni esplosivi artigianali confezionati con schegge di metallo, per mettere in sicurezza i quali è stato necessario l’intervento degli artificieri di Lecce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall’analisi dell’esplosivo, si tratta di “ordigni in grado di provocare danni micidiali a cose e persone”. L’uomo è ora ai domiciliari, ma sono in corso ulteriori indagini finalizzate a verificare eventuali ulteriori responsabilità per altri analoghi incendi recentemente avvenuti nel territorio garganico, movente ed eventuali mandanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento