26enne coinvolto nell'operazione Scarface: carabinieri eseguono ordine di carcerazione

In un episodio si era presentato all’appuntamento con un medico degli Ospedali Riuniti per riscuotere una tangente di 3500 euro e restituirgli il veicolo

Nella foto Salvatore Veneziano

I carabinieri del comando provinciale di Foggia hanno eseguito un ordine di carcerazione a carico di Salvatore Veneziano, che dovrà scontare una pena residua di 2 anni e 7 mesi. Il 26enne foggiano, condannato con sentenza definitiva per i reati di estorsione e ricettazione commessi nel marzo 2008, venne arrestato il 15 febbraio del 2011 nell’ambito dell’operazione Scarface del Nucleo Investigativo di Foggia diretta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari. A Veneziano venne contestato anche il concorso in un’estorsione aggravata col metodo del cavallo di ritorno.

La vittima era un medico degli Ospedali Riuniti di Foggia a cui era stata rubata l’auto, che si rivolse ad alcune persone contigue ai circuiti della criminalità organizzata foggiana e che, attraverso il pagamento di una tangente di 3.500 euro, riuscì ad ottenere la restituzione del veicolo. “Se paghi entro stasera sono 3.500 euro, se ritardi diventeranno il doppio, se non paghi, la macchina sarà tagliata”. Secondo l’accusa il 26enne si era presentato all’appuntamento con il medico per riscuotere la tangente estorsiva ed aveva provveduto alla materiale restituzione del veicolo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

  • Shock a Milano, foggiana rifiutata da una "salviniana razzista" "Non ti affitto casa perché sei del Sud" (Audio)

  • Foggiana rifiutata, milanese "razzista e salviniana" ritratta: "Colpa della menopausa, disposta ad affittarle casa senza cauzione"

  • Milanese nega affitto a ragazza foggiana: "Sono razzista e leghista". Salvini : "È una cretina"

  • Neonato morto a Foggia, famiglia chiede 1,7 milioni ai Riuniti. Gli avvocati: "Cause non ascrivibili ai sanitari dell'ospedale"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento